Frattamaggiore. Incontro “Marciapiedi accessibili”: diamo più spazio ai pedoni

Il Sindaco sottoscrive un patto con gli studenti: 1 anno per migliorare l’accessibilità ai pedoni in caso contrario pagherà pegno spingendo i giovani su carrozzine in strade con problematiche

di Mariarosaria Di Chiara – Frattamaggiore città modello, strade a norma, assenza di barriere architettoniche, piste ciclabili e marciapiedi accessibili. Queste sono solo alcune delle proposte che gli studenti del Liceo Scientifico di Frattamaggiore Carlo Miranda hanno avanzato ieri durante l’incontro pubblico “Marciapiedi accessibili”.
L’iniziativa nasce come conclusione di un percorso che si è avviato lo scorso febbraio che aveva lo scopo di coinvolgere studenti di scuole superiori, elementari e medie in vari percorsi di cittadinanza attiva.
Gli studenti del Miranda, in particolare, hanno partecipato all’iniziativa “Cantiere dei diritti” e hanno affrontato il tema della mobilità sostenibile e dei problemi che quotidianamente devono combattere i cittadini che si muovono a piedi per le strade della cittadina. L’Associazione frattese Cantiere Giovani ha dato vita a questi progetti, in partenariato con il Comune di Frattamaggiore e di alcune scuole del territorio. Gli stanziamenti provengono dal “Fondo dell’Osservatorio Nazionale per il Volontariato – Ministero del lavoro e delle politiche sociali (ai sensi della legge n.266/1991) – 12Anno 2014″. Gli istituti che hanno aderito all’iniziativa sono: i Licei “Francesco Durante”, ITC. “Gaetano Filangieri” e Liceo Scientifico Statale “Carlo Miranda”, più le scuole medie ed elementari: Giulio Genoino, Bartolomeo Capasso e Giuseppe Mazzini.

Presenti alla manifestazione anche il primo cittadino Marco Antonio Del Prete e l’assessore all’ambiente Giuseppina Lanzaro. I ragazzi hanno mostrato loro una serie di scatti fatti per le strade del paese, allo scopo di mettere in risalto gli ostacoli che quotidianamente è costretto ad affrontare il pedone. Ciò che emerge dalla loro indagine è che spesso i marciapiedi risultano essere troppo stretti, frequentemente sono occupati abusivamente da esercizi commerciali, paracarri e toponomastica. Anche l’assenza di rampe per disabili rende difficile l’attraversamento pedonale. Gli studenti hanno inoltre focalizzato la loro attenzione su via Roma, una delle arterie principali della città, già da qualche mese sottoposta a lavori di ammodernamento.
«Abbiamo stanziato circa un milione e trecentomila euro per il rifacimento del manto stradale e di qui ad un anno cambieranno molte cose» ha dichiarato il primo cittadino Marco Antonio Del Prete. Ha poi risposto in merito ai lavori di via Roma: «La fine è prevista entro luglio. Abbiamo predisposto l’ampliamento del percorso pedonale solo da un lato perché, in caso contrario, la strada non sarebbe stata a norma. I marciapiedi saranno pertanto larghi circa un metro e trenta, invece di novanta centimetri – ha aggiunto. – Per quanto riguarda la segnaletica, non possiamo affiggerla ai muri dei palazzi, bisognerebbe chiedere l’autorizzazione ai proprietari». Il primo cittadino ha anche anticipato che a breve partiranno i lavori di ammodernamento a via Alessandro Volta al fine di allargare i marciapiedi, rifare il manto stradale e predisporre dossi per ridurre la velocità delle macchine. È prevista anche la creazione di un parcheggio multipiano per liberare il corso Durante dalle strisce blu, creando così piste ciclabili. I ragazzi del Miranda hanno infine fatto firmare al sindaco un patto simbolico. Entro un anno Frattamaggiore dovrà essere più accessibile ai pedoni, in caso contrario, il primo cittadino, insieme all’amministrazione dovrà “pagare un pegno”: spingere sulle carrozzine i ragazzi nelle strade più problematiche.

Condividi su