Concorso Lions, primo premio per l’Isis Sereni di Afragola

Per il Sereni vince Augusto Petrellese, secondo e terzo premio agli allievi dell’Istituto Dalla Chiesa Premiate la Montalcini e la Mozzillo per le scuole di primo grado. di seguito vi proponiamo il video realizzato dalla Mozzillo. 

di Imma Russo – Il 17 maggio, nella Biblioteca comunale di Afragola, si è tenuta la premiazione dei vincitori del concorso Lions- Castello Angioino– sul tema : “L’attualità della questione meridionale, in una società che cambia velocemente, obbliga tutti noi ad ipotizzare nuove frontiere di lavoro per i giovani, favorendo un’economia del sud che può crescere solo basandosi sulle eccellenze del nostro territorio (agricoltura e turismo) e sulle innovazioni tecnologiche (ambiente sano e pulito ed energia alternativa). Immagina quale possa essere l’ eccellenza o l’ innovazione tecnologica a creare sviluppo e occupazione per il nostro territorio”.  Al concorso, rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo e di secondo grado del territorio, hanno partecipato numerosi studenti e giovani che, con elaborati letterari, grafici e multimediali, con disegni, grafici, poster e cortometraggi hanno affrontato il tema proposto in questa edizione del concorso. Grande soddisfazione per il Sereni , PETRELLESE 1infatti il vincitore assoluto è stato Augusto Petrellese  della 4^ B che ha vinto il primo premio di 300 euro . Augusto ha preparato un elaborato e lo ha arricchito di immagini… un lavoro apprezzato da tutti per la ricchezza del contenuto e dei suggerimenti offerti, sottolineando che i giovani portano con orgoglio il «made in Italy» in giro per il mondo e grazie ad esso trovano occupazione e ricevono ammirazione . Ma forse mai abbastanza: il sapere e il sapore non può stare sulle pagine, va tramandato e valorizzato e solo con la passione e l’amore si possono raggiungere risultati eccellenti. Sarebbe opportuno che iniziative di valorizzazione del proprio territorio smettessero di essere un’eccezione e diventassero la regola, in un Paese che sul “saper fare” dovrebbe incentrare l’eccellenza della sua economia. Eppure qualcosa si sta muovendo…..E in effetti all’apprendistato sempre più concreto, basato sull’alternanza scuola-lavoro di stampo tedesco, si sta guardando con sempre più interesse, soprattutto con le novità contenute nella riforma della cosiddetta Buona scuola. La nostra terra è una terra straordinaria: l’armonia del paesaggio, la vitalità delle attività e la ricchezza dei siti culturali, la tradizione eno-gastronomica e una naturale vocazione all’accoglienza ne fanno un unicum a livello mondiale che dobbiamo preservare e valorizzare nello stesso tempo. Il Sud è una risorsa per il nostro Paese, questo è un dato di fatto! Occorre, però, valorizzare il “brand” Campania. La Campania è conosciuta in questi ultimi tempi come la Terra dei Fuochi , invece è la regione simbolo della dieta mediterranea, sana, gustosa, fatta di prodotti tipici di grande qualità. È la Terra Felix seminata di una moltitudine di prodotti tipici: Caciocavallo Silano ,Cipollotto Nocerino, Fico bianco del Cilento, Mozzarella di Bufala Campana, Olio extravergine di oliva Penisola Sorrentina, Olio extravergine di oliva Terre Aurunche, Pomodorino del Piennolo del Vesuvio, Provolone del Monaco, Ricotta di Bufala Campana e tantissimi altri prodotti. La nostra terra e’ la terra delle prelibatezze, e’ terra dei cuochi prima di tutto, in grado di valorizzare al meglio l’agricoltura pulita in buona economia. È giunto il momento, dopo tanti “bocconi” amari, di gustare e assaporare la speranza. Una speranza concreta che ha il gusto delle tante ricette della Terra dei cuochi. Una varietà di cibi dove affondano le radici di un futuro diverso, pulito, sano e si coltivano le eccellenze culinarie che il mondo ci invidia. La Campania è la regione che ha dato i natali alla Dieta Mediterranea, il nostro più noto biglietto da visita nel mondo e che, a sua volta, ha ispirato nei contenuti la Piramide alimentare e uno stile di vita nutrizionalmente e ambientalmente corretto . Con il linguaggio proprio dei giovani Augusto è riuscito, in modo originale, a creare un “ponte” tra passato , presente e futuro, a stupire la giuria formata da professionisti , dirigenti e uomini di cultura. Sono stati premiati (secondo e terzo premio) anche gli studenti dell’ Itgi “ Dalla Chiesa”. Agli  allievi della Montalcini e Mozzillo sono stati premiati per le scuola secondaria di primo grado. Alla premiazione sono intervenuti i diversi dirigenti Scolastici del territorio , l’assessore alla Scuola e Attività Educative, il Presidente Onorario dei Lions, nonchè il presidente attuale dei lions, avv. Ferdinando del Mondo e tante altre autorità. “Sicuramente il compito della giuria non è stato facile, i lavori presentati sono stati molti e di ottimo livello…”. Particolarmente coinvolgente è stato l’intervento della dirigente scolastica ,dott.ssa Daniela Costanzo , che, in modo esaustivo e incisivo, ha portato la propria testimonianza ai numerosi giovani presenti in auditorium. “ Partecipare a questo concorso è stato importante e formativo per gli studenti che si sono documentati su ciò che accade nel nostro territorio. Le leve su cui puntare per risollevare il Meridione e ipotizzare nuove frontiere di lavoro per i giovani sono il turismo, l’enogastronomia, l’innovazione e la tecnologia e il nostro istituto risponde appieno a queste esigenze. Non possiamo pensare a politiche infrastrutturali o a politiche agricole lontane dall’obiettivo di rendere la Campania sempre più vivibile per i suoi cittadini e per i viaggiatori che la scelgono come meta: il nesso tra il binomio cultura-turismo e l’intera economia del territorio è di tutta evidenza. La nostra Regione si gioca questa opportunità con un vantaggio: è uno dei territori più importanti della cultura italiana, ma occorre l’impegno immediato della politica e delle istituzioni . È obbligo e responsabilità di ogni istituzione attivarsi affinché i giovani siano in grado di essere i protagonisti del loro tempo, senza limitarsi a scaricare le responsabilità su fattori esterni. Le nuove generazioni hanno in sé l’energia, la forza, l’apertura mentale per coltivare ambizioni e contribuire alla crescita complessiva dell’economia e della qualità della vita della collettività. Di certo la loro azione sarà maggiormente efficace, in grado di confrontarsi con gli altri giovani del mondo, se si presenteranno preparati, motivati e consapevoli delle proprie responsabilità e supportati in questo da servizi efficaci, informazioni affidabili, possibilità di conciliare i tempi di vita e di lavoro, possibilità di accedere a fondi per lo sviluppo dell’innovazione e dell’impresa. Tutte opportunità che devono essere espressione di un sistema lungimirante e capace di guardare al futuro investendo sulle persone e sulla scuola .

Condividi su