Frattamaggiore. L’Istituto Giulio Genoino propone “scuole aperte d’estate”

L’iniziativa in collaborazione con Cantiere Giovani è partita lunedi 18 luglio e terminerà il 10 settembre

di Mariarosaria Di Chiara – L’Istituto Comprensivo “G. Genoino” di Frattamaggiore quest’anno non va in vacanza. Il progetto, realizzato in collaborazione con l’associazione frattese Cantiere Giovani, è partito lunedì 18 luglio e termina il 10 settembre, con l’organizzazione di una grande festa di accoglienza per i nuovi iscritti all’anno scolastico 2016/2017. Grazie al bando “Scuola al centro” indetto dal Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) quasi 100 alunni hanno l’opportunità di rivivere gratuitamente gli spazi scolastici durante le vacanze. Con gli educatori e gli animatori di Cantiere Giovani, i ragazzi partecipano ad attività laboratorali di tipo sportivo, artistico e culturale ed hanno la possibilità di stare assieme, fare nuove amicizie e vivere la scuola oltre i tempi della didattica. scuole 1Divisi in tre gruppi, insieme agli operatori dell’associazione preparano ed programmano tornei sportivi, organizzano dettagliatamente la festa d’inizio anno e progettano uno spettacolo serale con canti, musica e balli. «Le periferie sono i centri del futuro: sono ricche di umanità e di energie. Spetta a noi, alla scuola raccoglierle e farle emergere» aveva sottolineato il Ministro Stefania Giannini lo scorso 27 aprile in occasione della presentazione del programma. Proprio per questo motivo, sono stati stanziati 10milioni di euro, da utilizzare per progetti ed iniziative da mettere in campo nelle quattro città con il più alto tasso di dispersione scolastica: Napoli, Roma, Palermo, Milano. Nell’area metropolitana di Napoli, la percentuale di ragazzi che abbandona prematuramente il percorso scolastico si attesta tra il 27 e il 30% (a fronte di un dato italiano fra il 15 e il 17% ed europeo sul 10%). E proprio al capoluogo campano sono stati assegnati 4 milioni e 100mila euro, distribuiti tra 275 istituti. A Roma250X250-nano-tv-luglio sono circa 136 le scuole coinvolte (in dotazione, più di due milioni), a Milano circa 172 (due milioni e 600mila euro), a Palermo 82 cui sono spettati poco meno di un milione e 300mila euro. In totale, quasi 700IPPOCRATE FRATTA le scuole interessate, ciascuna con un budget di 15mila euro. A settembre, attraverso i finanziamenti del PON (Programmi Operativi Nazionali) Scuola, saranno coinvolte altre 5mila scuole di tutto il Paese. «Con questo progetto vogliamo dare ai ragazzi di quelle aree del Paese dove l’istruzione costituisce una risposta importante ed essenziale per garantire un futuro alle nuove generazioni, una scuola aperta, che appartenga a tutta la comunità, dove famiglie e studenti possano sentirsi come in una seconda casa, da frequentare non solo quando ci sono le lezioni, ma anche in orario extra scolastico» aveva concluso il Ministro Giannini. Per la riuscita di questa iniziativa, fondamentale è la collaborazione e la coordinazione tra scuola, enti locali ed associazioni che operano sul territorio.

Condividi su