Napoli Film Festival 2016: si impone il film di Travaglino: “Maledetta Genoveffa”

Il regista afragolese, Tommaso Travaglino con i suoi ragazzi dell’Istituto comprensivo Puccini di Casoria, sbaraglia tutti alla 18° edizione del Napoli Film Festival

di Orlando Tarallo – Un percorso durato un anno intero durante il quale sessanta alunni di tre classi quinte della primaria, hanno vissuto la scuola in maniera singolare. Attraverso proiezioni di film, discussioni, analisi delle sceneggiature di numerosissime produzioni cinematografiche internazionali, studi degli intrecci narrativi e azioni didattiche che spaziavano dalla scrittura creativa allo studio delle dinamiche della fotografia, i ragazzi coinvolti hanno tenuto lezione entusiasmandosi quotidianamente. Un modo di fare scuola “sperimentale”, possiamo dire, dove le discipline sono divenute realmente strumenti per poter realizzare un sogno, un progetto ambizioso: costruire e poi girare un vero e proprio film.
E il film, questi ragazzi, l’hanno scritto e alla fine realizzato davvero. Guidati da Tommaso Travaglino, che ha al suo attivo una vittoria al Giffoni Film Festival e premiazioni a diversi concorsi cinematografici, da Gea Greco, Patrizia Crisci e MariaRita Esposito, docenti dell’Istituto comprensivo “Puccini” di Casoria – plesso “Cimiliarco”, tra azioni di circle time, animati momenti di brainstorming, durante l’anno hanno partorito prima il soggetto, e poi la sceneggiatura, partendo dai bisogni, dalle sofferenze dei ragazzi, alle quali si è tentato di rispondere con la storia che faticosamente ha visto la luce, poi tradotta in sceneggiatura cinematografica.
Ne è venuto fuori un piccolo gioiellino di ventiquattro minuti, “Maledetta Genoveffa” che ha sbaragliato tutte le altre produzioni cinematografiche presentate alla finale del concorso, e premiato come miglior film alla diciottesima edizione del Napoli Film Festival – sezione “Schermo Scuola”.
È nel cinema “Metropolitan” di Napoli, dove si è svolta la premiazione, che lunedì 26 settembre scorso i sessanta piccoli attori hanno manifestato tutta la loro gioia ed espresso la soddisfazione non solo per il prestigiosissimo riconoscimento, ma per l’entusiasmante percorso a cui hanno preso parte nell’ultimo anno della loro giovanissima vita scolastica.
“Abbiamo premiato una storia – ha affermato Giovanni Petrone, famoso produttore teatrale e membro della giuria – una storia complessa, profonda, frutto di un lavoro che traspare nell’interpretazione dei protagonisti”.
La direzione del Napoli Film Festival – recita la motivazione della giuria – assegna il premio come miglior film a “Maledetta Genoveffa” perché il lavoro si distingue per il soggetto originale e il coinvolgimento dei piccoli attori, che bucano lo schermo, visibilmente coinvolti nelle interpretazioni.
Dal successo nazionale del suo libro “La Scuola Bocciata” ad un lavoro che testimonia che, insieme ai suoi emozionati colleghi, Gea, Patrizia, Maria Rita, Tommaso crede nella scuola, crede in una scuola che costruisce i suoi pilastri sulla passione, sull’entusiasmo. Uno scrittore che rappresenta un paradosso solo apparente, che si scioglie appena veste i panni dell’insegnante e si spiega nei volti emozionati di quei ragazzi che quella mattina, al cinema “Metropolitan” di Napoli, si stringevano in un abbraccio che non dimenticheranno.
“La scuola dei miei sogni è emozione – afferma Tommaso – una scuola che in tal senso non ho mai sperimentato come alunno, e che proprio perché me l’hanno sempre negata, da insegnante cerco di realizzare ogni giorno, con tutti i miei limiti, le mie difficoltà, i miei problemi, ma con tutto l’entusiasmo di cui sono capace. E sono stato fortunatissimo perché ho incontrato colleghi stupendi, con i quali c’è un’intesa perfetta: la pensiamo tutti allo stesso modo”.
Quella mattina del 26 settembre scorso al cinema “Metropolitan” di Napoli era presente tutto il cast di “Maledetta Genoveffa”. Un centinaio tra ragazzi, genitori, insegnanti. Lì hanno sperimentato, ancora una volta, che una scuola diversa è possibile, che quel sogno che hanno sempre cullato può davvero avverarsi, ogni giorno.

banner880x149Diagnostica072016

Condividi su