Scuola Viva, 25 milioni di euro per 500 scuole campane

A Casoria saranno 5 gli istituti finanziati dalla Regione Campania con un contributo di circa 55mila euro per istituto. Sulla vicenda è polemica tra maggioranza ed opposizione cittadina. Silente l’assessore Russo

di Massimo Caponetto – Un’altra promessa mantenuta: 25milioni di euro per cambiare passo. Circa 500 scuole della Campania potranno aprire nelle ore pomeridiane per offrire iniziative culturali, sociali, artistiche e sportive ai ragazzi e alle famiglie, in particolare nelle realtà più difficili. Sarà presentata mercoledì 19 ottobre a Città della Scienza la graduatoria dei progetti scolastici ammessi al finanziamento. Grandi numeri per un’operazione fortemente voluta dal governatore Vincenzo De Luca e messa in atto dall’assessore all’Istruzione Lucia Fortini.

Oltre 400mila gli studenti coinvolti nei circa 3.000 moduli didattico-formativi, ovvero: 115.000 ore didattiche straordinarie per circa 37.000 aperture settimanali rivolte alla platea scolastica e al territorio che coinvolgeranno anche 3.000 associazioni, strutture formative, professionisti, esperti ed enti preposti. Uno sforzo enorme che per avere il maggior impatto possibile è stato immaginato distribuito su tre anni e prevede attività in circa 500 istituti scolastici distribuiti in tutte le cinque provincie della Campania. Si tratterà di iniziative – tutte libere, gratuite e aperte al territorio – rivolte principalmente agli studenti iscritti, agli studenti degli altri Istituti del territorio e ai giovani fino ai 25 anni di età, italiani e stranieri, ma con il coinvolgimento di tutta la popolazione.

“Con il progetto ‘Scuola viva’ si volta pagina – spiega De Lucae si realizza un intervento concreto per i giovani e le famiglie della Campania offrendo al tempo stesso l’opportunità di far emergere le potenzialità inespresse dell’universo scolastico campano e di contribuire a combattere sul suo terreno la dispersione scolastica. La metà delle scuole della nostra regione – aggiunge il governatore – potranno ampliare notevolmente l’offerta scolastica e aprirsi al territorio con attività pomeridiane selezionate, di natura didattica, culturale e sociale a vantaggio dell’intera comunità”.
A Casoria saranno 5 gli Istituti finanziati con 55 mila euro per istituto, a dare l’annuncio il sindaco Fuccio: “Cari amici, voglio fuccio-1condividere con voi un importante risultato sul fronte della pubblica istruzione e dell’inclusione sociale. La Regione Campania ha finanziato nell’ambito dell’avviso “Scuola Viva” ben 5 Istituti di Casoria, scuole che resteranno aperte il pomeriggio e che rappresenteranno un segnale di rilancio per la città. Si tratta di scuole ammesse a finanziamento sulla base di attività rivolte agli studenti iscritti, agli studenti di altri istituti che non siano quelli finanziati e ai giovani fino ai 25 anni di età sia italiani che stranieri. Diverse tipologie di intervento che vanno dai laboratori tematici a quelli tecno-professionali con il coinvolgimento di artigiani, imprese o associazioni di categoria, dai percorsi di consulenza psicologica alle iniziative per il coinvolgimento diretto e attivo dei genitori. Attività che a Casoria, grazie ad un finanziamento pari a 55mila euro per scuola, potranno essere svolte presso gli istituti comprensivi “Carducci-King”, “Cortese” e “Mitilini”, nonché al Liceo polispecialistico “Gandhi” e all’Istituto superiore “Torrente”. Le scuole sono un presidio di legalità e il primo avamposto del futuro. Siamo felici di aver contribuito a che Casoria abbia dei punti di riferimento in questo processo di apertura al territorio degli Istituti scolastici della regione. Ringrazio l’assessore alla Pubblica istruzione, Giulio Russo, per l’impegno e per la progettualità di qualità ed inclusiva che è stata messa in campo”. In verità su queste dichiarazioni “storce” il naso l’ex assessore alla Pubblica istruzione Luisa Marro, lasciando intendere che il Comune in questa progettualità c’entra poco o nulla e si lascia scappare una battuta su Scuola Vivamarro “Annunciazione , annunciazione il sindaco di Casoria fa i progetti per le scuole perchè voi presidi non sapete fare nulla. Vantarsi con le penne altrui! Il sindaco Fuccio afferma di aver contribuito al finanziamento di Scuola Viva sul territorio di Casoria e ringrazia l’assessore alla Pubblica Istruzione , Giulio Russo, per la progettualità di qualita’ ed inclusiva che e’ stata messa in campo. UNA GRADE MENZOGNA NONCHE’ UNA GRANDE OFFESA PER TUTTI I DIRIGENTI che con il loro staff hanno AUTONOMAMENTE ideato i progetti , seguendo ciascuno le specificità ed il bisogno del proprio istituto. Sono anni che le nostre scuole mettono in campo progetti di grande valore ovviamente senza il tutoraggio della politica! Le professionalità della scuola non ne hanno bisogno! Si parla anche di partenariato del Comune con le scuole per soddisfare un punteggio aggiuntivo: NULLA DI PIU’ FALSO. Non esiste alcun partenariato!
Tanto per la cronaca: la giunta si è insediata il 20 luglio 2016 ; il bando e’ scaduto il 29 luglio. Credo ci sia qualche problema di tempistica! Il 20 luglio tutte le scuole avevano gia’ ultimato i progetti. Quale sarebbe l’apporto dell’amministrazione?
. Insomma ennesima polemica tra maggioranza ed opposizione. Nel frattempo noi abbiamo cercato di contattare l’assessore in carica Giulio Russo per avere maggiori ragguagli su queste dichiarazioni. Nulla di fatto, non ha risposto ne alle nostre chiamate sul cellulare ne ai messaggi che gli abbiamo inviato. Anche 3 scuole afragolesi tra i primi 12 in graduatoria. l’Istituto Sereni, Marconi e Montalcini.

banner880x149Diagnostica072016

Condividi su
  • 78
    Shares