Blitz al campo rom di via Gianturco, entro un mese ci sarà lo sgombero

Nella giornata di ieri, la Polizia Municipale di Napoli ha operato un blitz nel campo rom abusivo sito in via Emanuele Gianturco. Sono stati censiti tutti gli abitanti del campo e sequestrate numerose auto.

IL BLITZ

Gli uomini del Comandante Ciro Esposito, sono entrati in azione su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli. L’area dell’ex Idrosint, di proprietà del Comune di Napoli, è occupata abusivamente da decine di famiglie di etnia Rom. L’intera superficie è stata posta sotto sequestro da parte del Tribunale di Napoli. Nel corso dell’operazione sono stati censiti tutti i nuclei familiari che vivono in quell’area. Sono state certificate le condizioni igienico sanitarie pessime delle baracche e della struttura. Sono stati rilevati anche allacci abusivi alle reti idrica ed elettrica. Non sono mancati momenti di tensione. Gli occupanti hanno protestato per la massiccia operazione messa in campo dalle forze dell’ordine. La Municipale ha sequestrato diverse auto prive di copertura assicurativa e intestate a persone fittizie. Sono stati rimossi  veicoli e carcasse di auto abbandonate tra i cumuli di rifiuti di ogni genere. I controlli continueranno anche nei prossimi giorni, entro un mese l’area dovrà essere sgomberata, si pone così il problema per la sistemazione di queste famiglie.

Condividi su
  • 22
    Shares