regione campania

Arriva il chiarimento della Regione Campania dopo le polemiche di ieri: Ok al delivery per pub e vinerie

Arriva il chiarimento da parte della Regione sul cibo da asporto e gli orari delle attività di ristorazione, dopo le polemiche a causa dell’impedimento dai vigili a pub e take away di alcune zone di Napoli di effettuare il servizio di delivery.

. “Con riferimento all’ORDINANZA n.39 del 25/04/2020 (Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza ai sensi dell’art. 32, comma 3, della legge 23 dicembre 1978, n.833 in materia di igiene e sanità pubblica e dell’art. 3 del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19. Operazioni ed interventi propedeutici alla riapertura di attività ricettive, balneari e produttive- Attività edilizia.- Approvazione protocollo di sicurezza-Parziale modifica delle Ordinanze n.32 del 12 aprile 2020 e n.37 del 22 aprile 2020- Attività motoria all’aperto), si forniscono i seguenti chiarimenti:

– in ordine al punto 3.del dispositivo, relativo alle attività e ai servizi di ristorazione,
approvato a parziale modifica delle disposizioni di cui all’Ordinanza n.37 del 22 aprile 2020,
si precisano, di seguito, gli ORARI DI ESERCIZIO, con consegna a domicilio:

a) quanto ai bar, pasticcerie e gelaterie agli stessi annesse, rosticcerie, gastronomie, tavole calde e similari, dalle ore 7,00 e con possibilità di effettuare l’ultima corsa di consegna alle ore 14,00; fanno eccezione gli esercizi presenti all’interno di strutture di vendita all’ingrosso che osservano orari notturni di esercizio, per i quali è consentita l’attività dalle ore 02,00 alle ore 8,00, sempre con divieto di somministrazione al banco e con consegna su chiamata;

b) tutti gli altri esercizi, ivi compresi i ristoranti, le pizzerie e le gelaterie che non sono annesse a bar e a pasticcerie, i pub nonché vinerie, keebab e similari, dalle ore 16,00 e con possibilità di effettuare l’ultima corsa di consegna alle ore 23,00.

[the_ad id=”23524″]