coronavirus vaccino

Covid. Termina la sperimentazione Pfizer su bimbi tra 5 e 11 anni: richiesta di via libera a novembre in Europa.

Le due case farmaceutiche Pfizer e BioNTech, al termine di uno studio clinico condotto su larga scala, hanno fatto sapere attraverso un comunicato stampa, che la sperimentazione del vaccino contro il Covid di Pfizer-BioNTech nei bambini fra 5 e 11 anni è terminata: nel documento si attesta che il vaccino è sicuro per i bambini compresi tra questa fascia d’età e fornisce una forte risposta immunitaria.
Il vaccino verrebbe somministrato a un dosaggio inferiore rispetto a quello utilizzato per i soggetti dai 12 anni in su: 10 microgrammi anziché 30. Resteranno però necessarie due iniezioni a 21 giorni di distanza.
Gli effetti collaterali sono lievi, simili a quelli delle altre fasce d’età. Pfizer e BioNTech hanno spiegato che a breve sarà «prevista una richiesta all’Ema per aggiornare l’autorizzazione condizionata all’immissione in commercio dell’Ue».
Se l’esame sarà positivo, il vaccino verrà usato a partire da fine ottobre negli Stati Uniti e, presumibilmente, da novembre in Europa.

Tra novembre e dicembre arriveranno anche i risultati della sperimentazione del vaccino sulle fasce d’età 2-5 anni e poi 6 mesi-2 anni. Entrambe queste categorie hanno ricevuto una dose ancora più bassa: 3 microgrammi.
Albert Bourla, presidente e Ceo di Pfizer, al riguardo ha dichiarato: «Negli ultimi 9 mesi, centinaia di milioni di persone di età pari o superiore a 12 anni provenienti da tutto il mondo hanno ricevuto il nostro vaccino anti-Covid. Siamo ansiosi di estendere la protezione offerta dal vaccino a questa popolazione più giovane, soggetta all’autorizzazione regolatoria, mentre seguiamo la diffusione della variante Delta e la sostanziale minaccia che rappresenta per i bambini»

Condividi su