Gennaro Giustino Afragola

Afragola, appello di Gennaro Giustino al centrosinistra in vista del ballottaggio: insieme, come quando cambiammo la città

Lettera aperta del candidato a sindaco Gennaro Giustino al centrosinistra locale in vista del ballottaggio: insieme, come quando abbiamo cambiato afragola.

Mai come oggi appare doveroso lanciare un appello ai dirigenti ma soprattutto agli elettori e le elettrici del centrosinistra afragolese: non possiamo consegnare le chiavi della città alla peggiore classe politica degli ultimi 30 anni. Chi ne ha memoria sa bene che alle porte c’è un sistema di potere incancrenito, che ha militarizzato la macchina amministrativa e arrecato danni enormi alla città, frenandone ogni ambizione di crescita e sviluppo.

Chi ha attraversato gli anni bui della sospensione della legalità e dei diritti, sa bene da che parte siamo stati, cosa abbiamo dovuto sopportare per difendere le nostre idee, come siamo riusciti insieme a cacciare questi “criminali” e come abbiamo rimesso in sesto la città.

Quel sistema lo abbiamo combattuto e sconfitto insieme, ricordate?

La nostra alleanza ha prodotto risultati straordinari, che ha cambiato per sempre i connotati della città. Ebbene non solo gli obiettivi e le conquiste che abbiamo raggiunto insieme ora rischiano di essere spazzati via dai saccheggiatori, ma nelle loro mani potrebbe finire anche il flusso enorme di denaro che sta arrivando in città.

Sono un moderato, ho le mie radici nel pensiero di Luigi Sturzo, ma ho sempre ascoltato con grande rispetto le idee dei grandi che hanno lottato per una distribuzione più equa delle risorse e delle opportunità. Molti infatti sono i temi della mia RIVOLUZIONE IN 180 GIORNI che abbracciano la sensibilità dei progressisti: come la riduzione delle imposte, l’assegnazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata, il piano straordinario per il rione “Salicelle”, la lotta alla “terra dei fuochi” e soprattutto quello di riscoprire il senso di comunità. Ed è anche per questo che noi continueremo questa battaglia per difendere la città e per difendere una storia che testimonia il nostro impegno, che profuma di libertà e senza padrini a dettare regole o persino opinioni.

La mia sarà una città inclusiva, in cui ognuno troverà cittadinanza, una città attenta ai più deboli, ai bambini, agli anziani, agli immigrati, ai disabili. Sarà la città delle donne, che devono diventare protagoniste della mia amministrazione, non solo ai vertici del governo ma anche nelle scelte quotidiane. Saremo il governo della speranza.

Con la mia amministrazione Afragola sarà la Porta d’Europa nel Mediterraneo, non solo per le opere ingegneristiche ma anche per la cultura e il benessere sociale: coinvolgerò le realtà associative nel mio governo e mi confronterò con i cittadini e i comitati di quartiere su tutte le scelte. Mai più decisioni prese sopra la testa dei cittadini.

Ancora una volta, insieme, possiamo ricostruire una comunità unita e ritrovare lo spirito della vittoria che già ci ha accomunato, affinché mai più i figli di Afragola possano sentirsi soli e senza speranza. Adesso l’ultima parola spetta a voi, giudici supremi. Accetteremo democraticamente ogni responso ma è nostro dovere ricordare in questi giorni cosa c’è in palio e cosa c’è dietro la porta, affinché nessuno possa dire: non lo sapevo. 

Coffee Shop Janè Afragola

Condividi su