Volla Operaio morto

San Marcellino. Ginecologo sconsiglia ricovero ospedaliero a paziente positivo: l’uomo muore il giorno dopo

San Marcellino. Nella giornata odierna, il ginecologo di Teramo Roberto Petrella è stato posto agli arresti domiciliari, accusato di omicidio colposo.

Il ginecologo seguiva telefonicamente le cure di un paziente originario di Napoli e residente a San Marcellino: in particolare, il paziente risultò positivo al Covid test e per tale motivo sua moglie contattò Petrella per segnalargli l’aggravamento delle sue condizioni di salute.

Stando alle indagini condotte dalla Digos di Catanzaro e coordinate dalla Procura, il ginecologo riferì alla moglie di evitare assolutamente il ricovero ospedaliero e prescrisse al paziente una terapia a base di vitamine, antibiotico e anti-diabetico orale, ritenuta “totalmente avulsa da qualsiasi pratica di scienza medica”, considerato anche il fatto che l’uomo in questione era affetto da gravi patologie pregresse.

“No, se va in ospedale muore, lo intubano”: avrebbe detto Petrella nella giornata del 6 dicembre scorso.

Il paziente, purtroppo, non ce l’ha fatta e ha perso la vita a causa del grave peggioramento delle sue condizioni di salute qualche giorno dopo.

Condividi su