Kiev bombardata anche a Capodanno: droni kamikaze recitano ‘Buon Anno’

Nell’Ucraina in guerra le esplosioni di Capodanno sono il segno dei raid russi che continuano a bersagliare le città, e non dei fuochi d’artificio utilizzati nel resto del mondo per festeggiare.

‘Buon Anno’ scritto su un drone kamikaze

L’antiaerea a Kiev è entrata in azione subito dopo la mezzanotte, chiamata ancora una volta a fare gli straordinari abbattendo decine di droni kamikaze.

Uno dei quali portava la beffarda scritta ‘Buon anno’. Nel frattempo i due leader hanno continuato a sfidarsi nel saluto al 2023. “Lotteremo fino alla vittoria”, ha promesso Volodymyr Zelensky. “La storia è dalla nostra parte”, la risposta di Vladimir Putin. Su cui però resta l’ombra di condizioni di salute precarie, che secondo l’intelligence occidentale metterebbero in discussione il suo futuro politico.

I bombardamenti dell’esercito invasore hanno preso di mira l’Ucraina per tutto il fine settimana, provocando la morte di almeno quattro persone e decine di feriti. La pioggia di fuoco si è abbattuta con il consueto utilizzo di missili da crociera e dei famigerati sciami di droni di fabbricazione iraniana. In lungo e in largo, da Kiev a Chernihiv, da Sumy a Zaporizhzhia, da Mykolaiv e Kherson. Secondo il ministero della Difesa di Mosca, sono stati presi di mira siti di lancio e fabbriche di droni, per sventare i tentativi degli ucraini di compiere “attacchi terroristici” contro la Russia. A Kiev, invece, hanno denunciato che i bersagli erano centri abitati, e solo grazie all’antiaerea è stato evitato un bagno di sangue e danni ingenti. Almeno 45 droni russi sono stati abbattuti solo la notte di San Silvestro, ha riferito il comando delle forze aeree.

Condividi su