La scomparsa dell’Artide è inevitabile: lo studio

di Saveria Russo – I laghi artici stanno scomparendo velocemente e gli scienziati stanno cercando di capirne il motivo.

La scomparsa dell’Artide è inevitabile?

La ricerca a volte dimostra, con i dati, ciò che a livello puramente intuitivo più o meno già sappiamo: l’esercizio fisico fa bene e l’aria inquinata no. Tuttavia, a volte le nostre intuizioni non sono corrette e le scoperte scientifiche sorprendono i ricercatori, insieme a tutti noi.

Un esempio recente è il fenomeno della scomparsa dei laghi nella tundra artica.

Si potrebbe pensare che questi laghi si espandano, non scompaiano. Mentre il cambiamento climatico riscalda la tundra, sciogliendo la neve e il ghiaccio superficiali e scongelando il permafrost, dovrebbe esserci più acqua superficiale; i laghi esistenti dovrebbero crescere a causa dell’acqua extra e potrebbero apparirne di nuovi.

Di recente, tuttavia, gli scienziati hanno osservato non solo laghi che si restringono, ma laghi che sono completamente scomparsi.

Lo studio

Un articolo pubblicato quest’anno su Nature Climate Change, basato su immagini satellitari, ha rilevato una diffusa perdita di laghi in tutto l’Artide negli ultimi 20 anni. Guidato dalla ricercatrice post-dottorato dell’Università della Florida Elizabeth Webb, il team scientifico ha scoperto che i laghi si sono ridotti o sono scomparsi completamente nell’82% delle regioni ricche di laghi dell’Artico.

Gli scienziati hanno da tempo riconosciuto che il riscaldamento globale sciolga il permafrost e, come molti effetti climatici, sembra che si stia verificando più velocemente del previsto. Ma la sorpresa riguarda davvero i corpi idrici nell’ambiente del permafrost.

Drenaggio catastrofico

Molti scienziati condividevano l’aspettativa di buon senso che con lo scongelamento del permafrost, i laghi si sarebbero inizialmente espansi a causa dell’aumento dell’acqua di disgelo che scorreva in essi. Alla fine, hanno previsto i ricercatori, il riscaldamento progressivo durante il 21° e il 22° secolo avrebbe prosciugato l’Artico abbastanza da far sì che i laghi iniziassero a ridursi. Ma ora sembra che i laghi artici stiano scomparendo un secolo o più prima del previsto.

C’è una grande differenza tra un lago che diminuisce gradualmente durante un clima più caldo e un lago che scompare in meno di un anno. Alla fine dell’estate del 2018, dopo l’inverno più caldo e piovoso mai registrato in quel momento, 192 laghi nell’Alaska nordoccidentale si erano prosciugati completamente o in parte. Alcuni grandi laghi, che si ritiene esistano da millenni, si sono ridotti drasticamente in quella che sembra essere stata una questione di mesi. Gli scienziati hanno etichettato questo fenomeno come “drenaggio catastrofico del lago“.

Cosa ha causato questo?

Fondamentalmente, il terreno sta diventando più permeabile. Parliamo di “terreno solido”, ma le sue particelle di roccia, materia minerale e organica hanno effettivamente degli spazi tra di loro.

Al di fuori dell’Artico, quegli spazi sono pieni di aria o acqua; l’acqua superficiale defluisce in essi; ma i paesaggi artici sono diversi. Nel permafrost, gli spazi dei pori sono pieni di ghiaccio solido, quindi l’acqua liquida non può penetrare facilmente. Ma quando il permafrost si scioglie, l’acqua può scorrere verso il basso. Quindi questi laghi dell’estremo nord stanno scomparendo perché l’acqua superficiale può drenare rapidamente nel sottosuolo mentre il permafrost si riscalda.

_____

Continua a seguirci su Facebook, su InstagramTwitter e Waveful! Ricevi tutte le notizie sul tuo cellulare iscrivendoti al canale Telegram.

Scopri gli ultimi aggiornamenti cliccando qui.

Condividi su