Cala il tasso di popolazione in Cina

La popolazione cinese è calata nel 2022 per la prima volta in oltre 60 anni, rimarcando in termini ancora più netti la questione della crisi demografica che sta colpendo la naziona più popolosa del pianeta.

“Alla fine del 2022, la popolazione nazionale era di 1.411,75 milioni”, ha affermato l’Ufficio nazionale di statistica di Pechino, aggiungendo di stimare “un calo di 0,85 milioni rispetto al dato della fine del 2021”.

La Cina ha raggiunto un punto di svolta demografico nel 2022 poiché la sua popolazione è diminuita di 850mila unità per la prima volta dal “Grande balzo in avanti” nei primi anni ’60 voluto da Mao Zedong, alla base della “grande carestia”.

Il calo, il primo dal 1961, ravviva la questione se l’India non sia già diventata la nazione più popolosa del pianeta.

Le nascite cinesi del 2022 si sono attestate a quota 9,56 milioni a fronte di morti per 10,41 milioni (erano, rispettivamente, 10,62 e 10,14 milioni nel 2021), mentre il numero di nascite per mille persone è sceso a 6,77 nel 2022 da 7,52 nel 2021.

La Cina, dopo decenni, ha posto fine nel 2016 alla politica del figlio unico imposta dagli anni ’80 per contenere il boom demografico, allentando le maglie sulla pianificazione familiare fino a consentire ndal 2021 a ogni coppia di poter avere tre figli, ma nella realtà un numero illimitato.

Malgrado gli sforzi, il trend dell’invecchiamento della popolazione non è stato invertito, creando crescenti difficoltà a un Paese è ha sempre fatto affidamento sul suo enorme bacino di forza lavoro per guidare la crescita dell’economia.

Condividi su