Se gioca il Napoli, pronto soccorso vuoto

L’associazione a difesa dei dipendenti della sanità “Nessuno tocchi Ippocrate” fa sapere, tramite i propri dati, che in occasione delle partite del Napoli, la presenza del personale negli ospedali partenopei, cala drasticamente. Ad avvalere la tesi, l’episodio avvenuto durante la partita tra gli azzurri e la Juventus. L’associazione, in un post su Facebook, annuncia: “pronto soccorso semi-deserti, ambulanze ferme nelle proprie postazioni, telefoni della Continuità assistenziale muti”. Una condizione che secondo “Nessuno tocchi Ippocrate” dimostra quanto “l’80% delle chiamate al 118, come gli accessi al pronto soccorso, siano superflui o differibili (almeno per 90 minuti)” e in ospedale, durante Napoli-Juve, “c’era chi stava male davvero“.

La notizia sembra una barzelletta e sta facendo il giro del mondo, ripresa tra gli altri anche dai francesi di sofoot.com. Napoli è tra le città italiane in cui il problema del sovraffollamento nei pronto soccorso è più concreto, c’è bisogno di personale serio.

Condividi su