Procida, si tirano le somme dopo un anno da “capitale della cultura” nel 2022, tutto in positivo

 

Più di 300 giorni di eventi, 3,4 miliardi di contatti mediatici, 600 mila turisti sbarcati sull’isola di Procida, che batte il record di presenze avendone stimate solo 500 mila per il 2022. Sono questi alcuni dei numeri venuti fuori nel corso della cerimonia tenutasi ieri, che vedeva il passaggio del testimone tra Procida e Brescia e Bergamo, prossime capitali Italiane della cultura nell’anno 2023. A Procida nel corso dei 300 giorni di eventi programmati, si sono avuti 44 progetti culturali di cui 34 originali, svolti in Workshop aperti al pubblico, Happening, mostre, per un totale di 150 eventi, che hanno visto impegnati più di 350 artisti di 45 differenti paesi del mondo, con un investimento di ben 18 milioni di Euro. Si stima poi, che grazie ai 3,4 miliardi di contatti mediatici, con tv, radio, social e web si ha avuto un impatto economico di 33 milioni di Euro, anche grazie alle testate internazionali come il “New York Times e National Geographic”, solo per citarne alcune, che hanno dato risalto mondiale all’evento, con una copertura garantita in oltre 25 paesi nel mondo. In fine il direttore di “Procida 2022” Agostino Riitano, ha comunicato anche come il fatturato medio sull’isola sia aumentato già alla comunicazione dell’assegnazione a Procida di capitale della cultura per il 2022, con un aumento medio del +32,5%. Un grande successo quindi per la più piccola delle isole campane che ha portato vanto e lustro all’isola di “Arturo”. 

Condividi su