Napoli, uomo armato di machete arrestato nella funicolare

Terrore nella funicolare centrale di Napoli, dove un uomo armato di machete ha scatenato il panico tra i viaggiatori.

Il responsabile sarebbe salito a bordo del mezzo pubblico alla stazione di piazza Augusteo, e avrebbe iniziato a minacciare i passeggeri brandendo un lungo machete e pronunciando frasi sconnesse. Ovviamente il gesto sconsiderato dell’uomo ha letteralmente terrorizzato i presenti, scatenando un fuggi fuggi generale. Numerose le segnalazioni inoltrate alle forze dell’ordine, giunte sul posto per cercare di bloccare il responsabile prima che la situazione potesse degenerare.

La funicolare centrale è stata fermata e la stazione di corso Vittorio Emanuele, dove l’uomo si era barricato, è stata chiusa. Secondo le informazioni raccolte sulla base delle testimonianze fornite da alcuni passeggeri, dopo l’interruzione delle corse il responsabile ha cercato di mescolarsi tra gli altri presenti.

Tentativo inutile, dato che i testimoni lo avrebbero chiaramente indicato agli agenti di polizia dei commissariati Vomero e San Ferdinando intervenuti sul posto consentendo il suo arresto. Al momento del fermo,  l’uomo non aveva più con sè il machete con cui aveva terrorizzato i passeggeri pochi istanti prima: alcuni dei presenti hanno rivelato agli inquirenti che si sarebbe liberato dell’arma nel tunnel che mette in collegamento i binari e la strada.

Dopo l’arresto del responsabile, verso le ore 19:00 le corse della funicolare centrale di Napoli sono riprese regolarmente.

Lascia un commento