Violenta rapina a turisti indiani a Napoli: due 15enni fermati

Sarebbero attaccati due visitatori indiani in via Settembrini, a breve distanza dal Duomo di Napoli, coinvolgendoli in una lotta e puntando l’arma alla testa di uno di loro, e si sarebbero fatti consegnare due telefoni mobili e un orologio, per poi scappare immediatamente su uno scooter. Con queste accuse sono stati fermati due adolescenti, entrambi di 15 anni, destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per i Minorenni di Napoli, una che prevede l’incarcerazione presso un istituto penale per i Minorenni e un’altra che prevede il collocamento in una comunità; sono fortemente sospettati di rapina aggravata e porto illegale di arma da fuoco in un luogo pubblico.

L’episodio contestato risale alla serata del 4 giugno 2023. Una rapina estremamente violenta, in cui le due vittime sono state bloccate da due giovani su uno scooter, spintonate e aggredite; una di loro ha addirittura subito la minaccia di una pistola puntata alla testa. I due visitatori hanno immediatamente presentato denuncia alla Polizia di Stato, e le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile e dall’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli.

Durante gli accertamenti, gli agenti hanno raccolto vari elementi che hanno portato all’identificazione dei minorenni e alle accuse; durante le perquisizioni sono stati trovati uno scooter e il casco di uno dei due indagati, compatibili con quelli utilizzati per commettere la rapina; è emerso dalle verifiche che uno dei due quindicenni era già sottoposto alla misura cautelare del collocamento in comunità per un altro procedimento penale nel giorno dell’aggressione ai turisti.