Sequestro di articoli contraffatti a Napoli: un duro colpo al mercato illegale

Durante una serie di controlli effettuati dalla Guardia di Finanza nelle strade più frequentate dai turisti a Napoli, sono stati scoperti oltre 56mila articoli contraffatti, tra cui borse, magliette, cinture, scarpe e occhiali, tutti contrassegnati da noti marchi di moda. I controlli sono stati eseguiti tra il 10 e il 20 luglio e hanno interessato zone come via Toledo, molo Beverello, la zona della Stazione Marittima, via Cesario Console e via Nazario Sauro.

In particolare, è stata individuata una fabbrica abusiva nella zona del “Lavinaio“, dove la merce contraffatta veniva prodotta e assemblata per essere poi venduta nelle strade del centro. Durante questa operazione, la Guardia di Finanza ha denunciato una donna di nazionalità marocchina e sequestrato macchinari per cucire e utensili utilizzati nella produzione della merce contraffatta, oltre a circa 42mila articoli falsi.

Le unità cinofile impiegate nell’operazione hanno permesso anche il sequestro di oltre 60 grammi di droghe, tra hashish e marijuana, e hanno segnalato 24 persone al Prefetto di Napoli per il possesso di sostanze stupefacenti.

Parallelamente, in collaborazione con la Polizia Locale, la Guardia di Finanza ha effettuato ulteriori sequestri nelle stesse strade, confiscando oltre 2.500 prodotti contraffatti, come accendini, calamite, braccialetti, ventagli, souvenir e accessori per cellulari. Sono stati sequestrati anche tre carrettini utilizzati per la vendita di granite e sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di circa 8mila euro.

Infine, durante controlli mirati a contrastare il commercio ambulante abusivo nella zona di Chiaia, gli agenti della Polizia Municipale hanno sequestrato oltre 9mila pezzi di merce contraffatta, tra cui anelli, braccialetti, giocattoli, cover per cellulari e occhiali.