Napoli: finti corrieri per derubare le aziende

I carabinieri di Verbania hanno eseguito 7 misure cautelari emesse dal Gip locale. Si tratterebbe di ben 5 persone in carcere, 2 agli arresti domiciliari, 14 indagati complessivi, tutti responsabili a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti a danno di imprese del settore tessile. Secondo quanto emerso, gli individui si fingevano corrieri e si presentavano nei magazzini delle aziende del Nord Italia con indosso le casacche di note società di logistica per farsi consegnare la merce.

Il gruppo criminale, con base logistica ad Arluno (MI), è stato smascherato grazie a due furti avvenuti nei mesi di luglio e agosto 2022 in due aziende produttrici di capi di abbigliamento di alta moda della provincia di Verbania. I 7 sono accusati di avere commesso 18 furti aggravati (e uno tentato perché la proprietaria non si era fidata) nelle province di Udine, Verbania, Como, Torino, Varese, Milano, Lodi, Bologna e Rimini.

La merce rubata e restituita fino ad ora si aggira intorno a un valore complessivo di 400.000 euro circa. Secondo la tecnica dei “falsi corrieri”, un “telefonista”, operativo da Napoli, entrava in contatto con un’azienda per organizzare un ritiro già previsto. A quel punto, i falsi corrieri si presentavano poi nei magazzini per impossessarsi della merce che veniva poi portata a Napoli per essere stoccata e reimmessa nel mercato legale. Il telefonista, dopo un furto a Milano a ottobre 2022, si è finto maresciallo per sapere cosa era accaduto al suo “uomo”.