Messaggi di educazione al rispetto da veicolare attraverso cartelloni allo stadio Maradona

Premesso

 

che Convenzione Repertorio N. 86349 del 17/10/2019 per la concessione d’uso dello stadio “San Paolo”, ora stadio “Maradona”, stipulata con la Società sportiva Calcio Napoli, prevede all’articolo 7.1 che “II Concessionario, a seguito di formale richiesta del Concedente, e concordandone la localizzazione con lo stesso, si impegna a riservare, gratuitamente al Comune, due moduli tipo cartellonistica fissa di ml. 6 X 0,90 ciascuno, che verranno utilizzati per messaggi a fini istituzionali del Concedente”ed in particolare per la promozione di campagne di pubblicità progresso;

 

Considerato

A partire dagli episodi di violenza in generale e in particolar modo sulle donne, che talvolta raggiungono l’apice nell’annientamento totale e nel femminicidio, sono sempre più diffusi; che la cronaca recente ha evidenziato che la città di Napoli non è affatto esente da fatti di violenza, anche tra giovani e adolescenti;

Rilevato

che è necessaria una rivoluzione culturale in tutta la cittadinanza, da attuare anche attraverso una campagna che indottrini ai valori del rispetto e della parità di genere e che condanni ogni forma di violenza e di coercizione sia fisica che psicologica, che si propaghi con tutti gli strumenti idonei ad arrivare alla più ampia platea possibile di destinatari;

Osservato

che la passione per lo sport, e in particolare per il calcio e per i propri colori, che coinvolge un pubblico vasto ed eterogeneo, può costituire un fattore che unisce e predispone alla permeabilità, alla comunicazione e all’ascolto di messaggi positivi;

per i motivi su esposti si impegnano

 

il  Sindaco e la Giunta a utilizzare lo strumento della cartellonistica, previsto dalla Convenzione per la concessione d’uso dello stadio, per diffondere messaggi di educazione al rispetto, alla parità di genere e di condanna di ogni forma di molestia e di violenza, sia fisica che psicologica, perpetrata nei confronti delle donne e di tutti coloro che risultano più indifesi.