Revocata la Potestà Genitoriale dopo l’Incidente di Caivano: Bimba di 5 Anni Caduta dal Secondo Piano

Caivano è stata recentemente il palcoscenico di un drammatico evento che ha scosso la comunità locale. Una bambina di cinque anni è precipitata dal balcone del secondo piano della sua abitazione, miracolosamente salvata dai fili stesi per il bucato del balcone sottostante. La piccola, di origini burkinabé, è stata prontamente soccorsa e ricoverata presso l’ospedale pediatrico Santobono di Napoli.

Tuttavia, l’incidente ha scatenato una serie di eventi ancor più sconcertanti. Su disposizione dei servizi sociali, la polizia municipale ha deciso di ritirare la potestà genitoriale ai genitori della bambina. I suoi fratelli, con età comprese tra i 3 e i 14 anni, sono stati prelevati e temporaneamente collocati in case famiglia, alcune delle quali al di fuori della provincia.

Il dottor Vincenzo Tipo, primario del pronto soccorso, ha fornito un resoconto rassicurante sulle condizioni di salute della piccola. Nonostante la caduta dal secondo piano, attenuata dai fili per il bucato, la bambina non presenta danni neurologici significativi, ma solo lesioni esterne. Le prossime ore saranno decisive per valutare attentamente queste lesioni e l’integrità degli organi interni.

La decisione di revocare la potestà genitoriale ha suscitato reazioni e riflessioni all’interno della comunità. L’avvocato Pisani ha commentato l’insolita drastica misura, sottolineando la mancanza di precedenti simili in situazioni analoghe. Ha inoltre sollevato interrogativi sulla possibile influenza di dinamiche familiari specifiche che al momento non risultano chiare.

Nonostante la necessità di garantire il benessere dei minori, Pisani ha esortato a evitare ulteriori sofferenze per questa famiglia, evidenziando che sembrano essere cittadini regolarmente integrati nella società e nel sistema scolastico italiano.

Mentre la bimba rimane in osservazione, le prossime decisioni riguardanti il percorso di ricovero saranno prese dopo un’approfondita indagine medica. La revoca della potestà genitoriale rappresenta una mossa insolita, gettando luce su un caso che continua a sollevare domande e preoccupazioni nella piccola comunità di Caivano.