Cancello Ed Arnone – Ancora una morte sul lavoro: Uomo originario di Afragola si incastra in una impastatrice per il cemento e muore

Ieri pomeriggio, a Cancello e Arnone, nel Casertano, è stata teatro di un drammatico incidente sul lavoro che ha visto la morte di Raffaele Boemio, un 62enne originario di Afragola. L’operaio, dipendente della ditta Dap di Nola, stava lavorando in un cantiere per la realizzazione della fibra ottica quando, per cause ancora in corso di accertamento, è finito in una impastatrice del cemento.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’incidente è avvenuto in maniera improvvisa e, nonostante l’intervento tempestivo dei sanitari del 118, per Boemio non c’è stato nulla da fare. L’uomo, che avrebbe raggiunto la pensione tra pochi mesi, è deceduto sul colpo.

Il magistrato di turno ha disposto il sequestro della salma per l’autopsia, al fine di chiarire le dinamiche precise dell’accaduto. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i carabinieri, che hanno già effettuato i primi rilievi e avviato le indagini per comprendere meglio le cause del tragico evento.

La notizia ha suscitato sgomento e indignazione, soprattutto tra i sindacati. La Cgil Caserta ha rilasciato un comunicato esprimendo profonda tristezza e rabbia per l’ennesima morte sul lavoro nella provincia. “Ancora un operaio morto, ancora nella nostra provincia: continua una strage inaccettabile”, si legge nella nota. Sonia Oliviero, segretaria generale provinciale, ha dichiarato: “Chi per vivere ha bisogno di lavorare non può perdere la vita mentre lavora – è inaccettabile”.