Napoli – Al Trianon Viviani, il festival “Il Teatro delle Persone / per un Teatro di prossimità”

La seconda edizione dell’iniziativa, curata dal regista Davide Iodice, è dedicata all’arte e all’inclusione sociale e festeggia i dieci anni della Scuola elementare del Teatro Da martedì 21 maggio a venerdì 7 giugno

Conclusa la stagione musicale e teatrale con Salvador Sobral ed Enzo Gragnaniello, da martedì 21 maggio a venerdì 7 giugno, il Trianon Viviani propone la seconda edizione deil Teatro delle Persone / per un Teatro di prossimità”, il festival che conclude l’annualità del progetto omonimo di arte, partecipazione e socialità, ideato e diretto dal regista, drammaturgo e pedagogista Davide Iodice.

L’iniziativa si articola in spettacoli, mostre e proiezioni video – a ingresso libero per il pubblico – con i quali si festeggiano anche i dieci anni di attività della Scuola elementare del Teatro.

Il festival propone al pubblico gli esiti di un articolato e intenso processo di pedagogia, relazioni e scambi culturali, che ha coinvolto un’ampia comunità di adolescenti, ragazzi di nazionalità e cultura diverse, persone con disabilità fisica e intellettiva, allievi attori, attori professionisti, gruppi in formazione e operatori sociali, consolidando la collaborazione con enti e istituzioni pubbliche e del terzo settore.

Tra le realtà coinvolte il teatro di Napoli – teatro Nazionale e le fondazioni Eduardo De Filippo e istituto Strachan Rodinò, ma anche varie cooperative e associazioni, Scuola elementare del Teatro – Conservatorio popolare per le Arti della scena, Forgat, Dedalus, Manovalanza teatro, Putéca Celidònia, Interno5, Target minori –Tanto ho le cuffie e Kool kids Kansl 1 Italia.

Questa folta ed eterogenea comunità ha costruito una rete civica volta a dare libero accesso a percorsi di espressione, soprattutto a favore delle fasce sociali maggiormente svantaggiate.

Il Trianon Viviani si avvale del sostegno del ministero della Cultura e della Regione Campania (Poc 2014-2020), con il patrocinio di Rai Campania.

Programma del festival

Martedì 21 maggio, ore 17:30
Putéca Celidònia presenta Riverberi, Voci e narrazioni dal quartiere Forcella, Esito del processo laboratoriale di ricerca sul campo e drammaturgia, Partecipata condotto con un gruppo di adolescenti del territorio

Mercoledì 22 maggio, ore 20
Scuola elementare del Teatro – Conservatorio popolare per le Arti della scena presenta Le odissee del nostro rione, Liberamente tratto dal romanzo di Nagib Mahfuz, Drammaturgia e regia Wael Habib con Maria Teresa Battista, Alessandra De Concilio, Germana Di Marino, Giada, Laporta, Giulia Piscitelli, Mariagrazia Serafino, Esiti del ciclo Officina

Giovedì 23 maggio, ore 20
Scuola elementare del Teatro – Conservatorio popolare per le Arti della
scena presenta Il carcere, drammaturgia e regia Solene Bresciani con Pasquale Aprile, Solene Bresciani, Valentina Martiniello esiti del ciclo Officina

Martedì 28 maggio, ore 17
Scuola elementare del Teatro – Conservatorio popolare per le Arti della scena presenta prove aperte del progetto Compagnia Alice work in progress a cura di Annalisa D’Amato e delle guide e dei tutor della Scuola

Venerdì 31 maggio, ore 17
Kool kids Kansl 1 Italia presenta inaugurazione della mostra fotografica Kool kids di Giovanni Diffidenti, ricerca sulla sindrome rara Koolen De Vries

ore 17:30
Scuola elementare del Teatro – Conservatorio popolare per le Arti della scena presenta proiezione del video-documentario, La Scuola elementare del Teatro di Siria Ribas in occasione del decimo anno di attività della Scuola

ore 19
Forgat presenta Orchestrìa concerto a cura di Paolo Francesco Manna, Antonio Fraioli, Eleonora Ricciardi progetto speciale di musica e socialità in occasione del decimo anno di attività della Scuola elementare del Teatro

venerdì 7 giugno, ore 20
Dedalus e Manovalanza teatro presentano L’ora in cui non sapevamo drammaturgia Adriana Follieri e Nicole Hernandez Medran regia Adriana Follieri esito della compagnia multiculturale Tutto il mondo è paese