Napoli – La tragedia di Luca De Marinis, Pizzaiolo Campione del Mondo, morto in un incidente in California


Luca De Marinis
, conosciuto affettuosamente come “Picchio“, aveva 37 anni. Originario dei Camaldoli, un quartiere di Napoli, Luca era un pizzaiolo di fama internazionale e campione del mondo nel 2019. La sua vita è stata tragicamente spezzata da un incidente motociclistico in California, dove si trovava per lavoro.

La passione di Luca per la pizza lo aveva portato a girare il mondo, raccogliendo riconoscimenti e premi innumerevoli. Era un artista della pizza, amato e rispettato non solo a Napoli, ma anche a livello internazionale. La sua abilità e dedizione gli avevano fatto guadagnare il titolo di campione del mondo nel 2019, un traguardo che pochi riescono a raggiungere.

La tragedia è avvenuta a Temecula, nel sud-est della California. Secondo quanto riportato dal Dipartimento dello Sceriffo della Contea di Riverside, Luca stava guidando verso nord su Wolf Valley Road quando un veicolo diretto a sud gli ha tagliato la strada per svoltare a sinistra su Caminito Olite. L’impatto è stato fatale, e Luca è morto sul colpo. È stato portato all’Inland Valley Hospital di Wildomar, dove è stato dichiarato il decesso.

La notizia della morte di Luca ha sconvolto Napoli e, in particolare, il quartiere dei Camaldoli. Numerosi messaggi di cordoglio sono apparsi sui social, esprimendo dolore e incredulità per la perdita di un giovane così talentuoso e amato. «Eri il sole amico mio», scrive Rita, una sua cara amica, ricordando Luca come una persona piena di gioia di vivere e generosità. Vincenzo, uno dei suoi migliori amici, ha condiviso un ricordo struggente: «Luca dimmi che è uno scherzo, chiamami e prendimi in giro come fai tu anche questa volta».

Gli amici di sempre hanno lanciato una raccolta fondi su GoFundMe per riportare Luca nella sua amata Napoli. “Le spese da affrontare sono numerose: dal trasporto dallAmerica in Italia, alle pratiche amministrative necessarie, fino all’organizzazione del funerale”, spiegano sulla piattaforma. “A queste si aggiungono tutti i costi imprevisti che una famiglia deve affrontare in circostanze così tragiche e complesse”.

La campagna ha ricevuto un’enorme risposta di solidarietà. In soli due giorni sono stati donati oltre 18 mila euro, e le donazioni continuano a crescere. “La famiglia di Luca non ha chiesto nulla – precisano gli organizzatori della campagna – questa iniziativa è nata spontaneamente da alcuni amici che vogliono far sentire alla famiglia quanto amore il Picchio ha lasciato dietro di sé”.