Bacoli – Rischi bradisismici e sicurezza pubblica: il caso di Bacoli e le vie di fuga


La piena fruibilità delle vie di fuga nel Comune di Bacoli, in caso di allontanamento della popolazione per rischio connesso al fenomeno del bradisismo, è stata una delle questioni approfondite oggi nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, riunitosi presso il Palazzo di Governo e presieduto dal prefetto di Napoli, Michele di Bari.

In particolare, riferiscono dalla prefettura, è stata approfondita la problematica riguardante il traffico di mezzi pesanti adibiti al trasporto di natanti verso il Porto di Baia, nel Comune di Bacoli.

Allo stato, il transito di questi mezzi verso l’area portuale è consentito nel rispetto dell’ordinanza contingibile ed urgente del Comune di Bacoli, che, per motivi di protezione civile, consente lo svolgimento delle attività di varo e alaggio solo nei giorni feriali, nella fascia oraria 14-18.

Il prefetto ha disposto, al riguardo, che siano valutati, in seno ad apposita Conferenza di servizi, da svolgersi alla presenza di tutti gli attori istituzionali interessati, “ulteriori provvedimenti da adottarsi su concorde ed univoco avviso di tutti i soggetti partecipanti, in considerazione dell’attuale fenomeno bradisismico che impone ogni necessaria cautela di protezione civile”. Ha inoltre disposto l’intensificazione dei servizi di controllo sul territorio dell’accesso all’area portuale da parte delle Forze dell’ordine con il contributo della Polizia locale.

Al Comitato hanno preso parte l’assessore alla Legalità del Comune di Napoli, il questore, il comandante provinciale dei Carabinieri, il comandante provinciale della Guardia di Finanza e il comandante della Polizia metropolitana. Presenti anche i sindaci dei Comuni di Bacoli e Pozzuoli, e i rappresentanti della Capitaneria di Porto di Pozzuoli e della Sezione della Polizia Stradale di Napoli.