Napoli: le prime parole di Antonio Conte

Di Carmine D’Argenio

5 giugno 2024 parte ufficialmente l’era Conte per il Calcio Napoli. Le prime parole di Antonio Conte da allenatore del Napoli vanno nella direzione della volontà di contributo alla crescita di squadra e società:  “Napoli è una piazza di assoluta importanza. Sarò impegnato insieme al mio staff a dare il massimo sia per quanto riguarda il mio ruolo dalla panchina, per cui sono felice ed emozionato; sia per quanto concerne l’evoluzione di tutti gli altri aspetti attorno alla squadra”.  Infine sul broadcast del Calcio Napoli, lancia il suo messaggio di trepidazione per l’inizio dei lavori della nuova stagione, intorno cui è bastato il nome del vulcanico allenatore leccese, per determinare tanto entusiasmo, dopo i fallimenti della stagione invece appena trascorsa.

De Laurentiis a sua volta si dice orgoglioso “che il nuovo allenatore del Napoli sia Antonio Conte. Antonio è un top coach, un leader, con il quale sono certo che potrà partire quella rifondazione necessaria dopo la conclusione del ciclo che ci ha portato a vincere lo scudetto lo scorso anno dopo molte stagioni ai vertici del calcio italiano. Oggi si apre un nuovo importante Capitolo della storia del Napoli” 

Per l’intera mattinata i protagonisti ancora tutti insieme alla sede della Filmauro.

Domani gli stessi sono attesi a Castelvolturno. Conte visionerà il suo nuovo luogo di lavoro, che sul campo riprenderà il prossimo 7 luglio per poi spostarsi al ritiro di Dimaro l’11 luglio. Contratto per lui per i prossimi tre anni. L’accordo siglato lo legherà infatti al Club di De Lauretiis fino al 30 giugno 2027.

Il parere su Antonio Conte da parte di chi l’ha conosciuto, ex del Napoli e della Juve, Michele Padovano:

“Il Napoli aveva bisogno di un addetto ai lavori che ricostruisse. Occorre lasciar fare a Conte ed i napoletani si innamoreranno di lui e viceversa. Dove è andato è andato ha vinto. Credo porterà Lukako“. Anche se il giocatore belga fa trapelare di un suo gradimento per il ritorno all’Anderlecht.

Il capitano storico Beppe Bruscolotti punta tutto sulla nuova immagine garantita anche dalla figura di Oriali. Darebbe la fascia da capitano allo stesso Lukako, rispetto a giocatori che hanno palesemente espresso la volontà di andar via, riferimento all’attuale capitano Di Lorenzo.  Indicando, infine, in due difensori la priorità del Napoli.