Caivano – Uomo armato di coltello tenta di avvicinarsi a Don Maurizio Patriciello dopo una messa serale, fermato il suocero del Boss Ciccarelli


Caivano
, domenica sera presso la Parrocchia di San Paolo Apostolo, Alla fine della messa serale un uomo armato ha tentato di avvicinarsi a Don Maurizio Patriciello, noto per il suo impegno contro la criminalità organizzata.

L’uomo, identificato come Vittorio De Luca, 74 anni, noto come “capellone” e genero del boss detenuto Domenico Ciccarelli, soprannominato “Caciotta“, ha cercato di avvicinare il sacerdote mentre questi si intratteneva con alcuni fedeli. L’attenzione della scorta di Don Patriciello è stata immediatamente catturata, e un poliziotto ha tentato di fermare De Luca per un controllo preventivo.

Alla vista dell’agente, De Luca ha reagito lasciando cadere un coltello da cucina a terra prima di cercare di fuggire. Il coltello è stato immediatamente sequestrato e De Luca è stato fermato e portato al Commissariato di Afragola per gli accertamenti. L’accusa per lui è di possesso abusivo di arma bianca in luogo pubblico.

La notizia dell’incidente è trapelata solo in seguito, sollevando un’ondata di solidarietà verso Don Patriciello. La presidente della Commissione parlamentare Antimafia, Chiara Colosimo, ha espresso il suo supporto, sottolineando la gravità dell’atto intimidatorio subito dal prete. “Voglio esprimere tutta la mia solidarietà e vicinanza a Don Patriciello per l’ennesimo atto di intimidazione subito”, ha dichiarato Colosimo.

Anche la premier Giorgia Meloni è intervenuta sulla vicenda, manifestando il suo sostegno attraverso un messaggio su X (precedentemente noto come Twitter). “A Don Patriciello la mia totale solidarietà e vicinanza per l’ennesimo atto di intimidazione, fortunatamente sventato dalle forze dell’ordine. Il suo lavoro per portare legalità e speranza a un territorio martoriato dalla criminalità avrà sempre il sostegno del Governo e mio personale. Siamo tutti con te!”.

L’episodio sottolinea ancora una volta le difficoltà che Don Maurizio Patriciello affronta quotidianamente nel suo impegno per la legalità e la giustizia in un territorio complesso come quello del Parco Verde, una zona tristemente nota per la presenza di criminalità organizzata. L’intervento tempestivo della scorta e delle forze dell’ordine ha evitato che la situazione degenerasse, ma resta l’ombra di una minaccia persistente.