Il Napoli azzittisce il pubblico razzista di “Marassi”

Il Napoli esce vittorioso da “Marassi” con una vittoria importante per 0-2 che permette agli azzurri di toccare quota 88 punti. La serata di Genova è stata segnata dal comportamento vergognoso della gradinata sud occupata dai tifosi della Sampdoria. Già nel primo tempo Maurizio Sarri ha segnalato i cori razzisti contro Napoli e i Napoletani al IV uomo e agli ispettori della Lega Calcio. Nella ripresa, dopo il vantaggio azzurro siglato da Milik, la frustrazione in salsa razzista della curva doriana è esplosa. Così l’arbitro Gavillucci ha sospeso la gara per alcuni minuti. Da segnalare il comportamento del Presidente della Samp, Ferrero, che sceso dalla tribuna, si è recato sotto la curva per calmare i suoi tifosi.

La Gara

Bella prestazione dei ragazzi di Maurizio Sarri che hanno controllato la gara senza grandi timori. Nel primo tempo è stata annullata una rete a Mertens sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Anche dopo i replay non è chiaro se il colpo di testa che ha smarcato il belga sia stato di Albiol o del difensore doriano. Nel primo caso sarebbe fuorigioco, nel secondo evidentemente no. Nella ripresa, dopo i cambi effettuati da Sarri, ovvero Hamsik per Callejon e Milik per Mertens, gli azzurri risultano ancora più pimpanti. Ci pensa Arek Milik a sbloccare il risultato al 72′ con un bellissimo tiro all’incrocio da fuori area. Chiude i conti Raul Albiol all’80esimo con un colpo di testa su calcio d’angolo.

Intanto allo stadio Olimpico, Roma e Juventus hanno pareggiato per 0-0, un risultato a cui proprio nessuno aveva pensato prima di questa sera… I bianconeri si sono così laureati campioni d’Italia con una giornata d’anticipo per la settima volta consecutiva.

Condividi su
  • 20
    Shares