tufò napoli

Caso Tufò a Posillipo, i titolari: “Siamo regolarmente aperti, la giustizia farà il suo corso”

È di stamattina la notizia del sequestro di 7 società tra cui quelle riferite alla gestione dei ristoranti a insegna “Tufò”. Sequestrati anche tre immobili, 13 veicoli, e 68 rapporti finanziari, il tutto dal totale valore di oltre 1 milione di euro.

L’operazione è scattata all’alba di oggi, ha visto in campo 150 finanzieri del Comando Provinciale di Napoli col supporto dei Comandi di Roma, Salerno, Caserta e Latina, che hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare del gip di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.

Sulla questione sono intervenuti i titolari che hanno specificato la situazione della gestione dei ristoranti sottolineando che, seppure come giusto che sia la giustizia farà il proprio corso per accertare la colpevolezza o meno della questione inerente le notizie apparse questa mattina sui quotidiani nazionali e locali, la struttura continuerà ad essere aperta e garantire gli stipendi a tutte le persone che lavorano nelle attività commerciali.

 

Condividi su