IV Municipalità Napoli

Chiuse le scuole comunali nella IV Municipalità, non ci sono condizioni di sicurezza

La IV Municipalità di Napoli ha deciso di chiudere temporaneamente le scuole comunali del territorio perché è stata riscontrata l’assenza dei dispositivi di sicurezza e del personale preposto, come invece era stato assicurato dal comune centrale

Ecco il testo del Comunicato:

Poche ore fa il direttore della Municipalità 4, dott. Pasquale del Gaudio, ha predisposto la chiusura temporanea fino a data da destinarsi di quattro scuole comunali della Municipalità, nello specifico:

1) scuola dell’infanzia Beltramelli,
2) scuola dell’infanzia Chiara d’Assisi,
3) asilo nido Bice Zona
4) e asilo nido Partenope.

Tale chiusura si è resa necessaria a seguito di un sopralluogo eseguito in mattinata, all’esito del quale è stata riscontrata l’assenza dei dispositivi di sicurezza e del personale preposto, come invece era stato assicurato dal comune centrale solo pochi giorni fa.

Inoltre, per effetto di una disposizione del Servizio Diritto allo Studio del Comune di Napoli è stata predisposta anche la riduzione da 4 a 3 classi nei plessi Beltramelli e Chiara d’Assisi, con conseguente assembramento di bambini tale da non garantire un idoneo distanziamento sociale atto a ridurre il rischio di contagio.

Tale provvedimento di chiusura è stato quindi adottato solo ed esclusivamente a salvaguardia della sicurezza degli alunni e del personale scolastico, ritenendo impensabile in un momento del genere avere scuole aperte senza personale né dispositivi di sicurezza.

Riteniamo pertanto grave il disservizio creato dal comune centrale e ci auguriamo che lo stesso comune intervenga ad horas per garantire la riapertura in sicurezza delle suddette scuole.

Restano regolarmente aperte, invece, tutte le altre scuole statali di competenza municipale per le quali la IV Municipalità ha predisposto, grazie anche ad importanti interventi di manutenzione eseguiti in queste settimane ed in fase di ultimazione, tutte le misure di sicurezza che l’emergenza covid ha reso ancor più necessarie.

Condividi su