Pietro Taurino Carabinieri Astrazeneca

Trombosi cerebrale, muore Maresciallo campano. Si era vaccinato con AstraZeneca

Pietro Taurino non ce l’ha fatta, il Carabiniere 50enne di Salerno è deceduto a Mantova per una trombosi cerebrale, si era vaccinato con AstraZeneca.

Nella tarda mattinata del 19 marzo è stata eseguita l’autopsia sul corpo del maresciallo Pietro Taurino, colpito lunedì scorso da trombosi cerebrale. Aveva 50 anni e aveva ricevuto il vaccino AstraZeneca come tutti i suoi colleghi. Come riporta la Gazzetta di Mantova, il militare era stato ricoverato lunedì scorso al Poma. Dopo la vaccinazione ha iniziato ad accusare forti mal di testa, che con il passare dei giorni non è riuscito più a sopportare. Una volta fatta la Tac è stato compreso cosa gli stesse succedendo. Nonostante il tempestivo intervento dei medici che l’hanno operato d’urgenza, per il Carabiniere non c’è stato nulla da fare. I funerali del maresciallo Taurino si svolgeranno oggi.

La famiglia del Maresciallo, in servizio al comando provinciale di via Chiassi, ha nominato un perito di parte e un legale che seguiranno le varie fasi dell’inchiesta. Il militare, 50 anni, sposato e con figli, è stato dichiarato deceduto mercoledì pomeriggio intorno alle 19, dopo che verso mezzogiorno era stata decretata la morte cerebrale.

Questo il ricordo dell’Arma:

Il SAP Mantova si stringe intorno alla famiglia Taurino porgendo le sentite condoglianze per la perdita del caro Pietro.

Il Maresciallo dei Carabinieri in forza al Nucleo Radiomobile di Mantova, Pietro Taurino, si è spento improvvisamente lasciando tutti coloro che l’hanno conosciuto nell’incredulità generale.

Un uomo sempre al fianco dei suoi ragazzi gregari e riferimento anche per tutti coloro delle Volanti della Polizia di Stato di Mantova che lo hanno conosciuto lungo le strade della cittá.

L’ Autorità Giudiziaria ha già avviato tutte le indagini per cercare di scongiurare quello che, a tutt’ora e troppo frettolosamente, sembrerebbe ricondurre la tragedia Taurino ad una complicanza a seguito della vaccinazione anticovid.

Condividi su