Atto disumano a Milano: clochard cacciato da un locale con secchiate d’acqua gelida.

di Noemi Bencivenga – Sono le quattordici di venerdì 11 novembre quando a Milano in piena zona Porta Venezia un senzatetto per ripararsi dal freddo decide di rifugiarsi nel dehors di un locale. Qui dopo essersi avvolto nella coperta che porta con sé, si sdraia sul pavimento e si addormenta.

La situazione però non piace al titolare del bar che decide così di cacciare il clochard in maniera disumana.

Il titolare lancia sul clochard acqua gelida.

Infatti, afferra un secchio di acqua gelida e gliela lancia addosso. L’homeless perciò a causa del gesto brutale si sveglia, si alza e dopo essersi scusato va via.

La scena viene ripresa e diventa virale sui social

La scena è ripresa col cellulare da alcuni testimoni presenti sul luogo dell’accaduto che lo pubblicano immediatamente sui social. Il video diventa subito virale scatenando l’indignazione di tantissime persone.

L’indignazione di tanti

Tra queste vi è in particolare il presidente della commissione Sicurezza e coesione sociale del Comune di Milano, Michele Albiani che ha così commentato la vicenda : «È un gesto ignobile che non può avere alcun tipo di giustificazione. Siamo tutti in apprensione per le sorti della vittima di quest’azione. Baderò a fare un esposto alle forze dell’ordine, allegando il video, sparito dai social dopo le tante reazioni di condanna del gesto».

Anche il  consigliere comunale del Pd, Alessandro Giungi si è espresso in merito all’accaduto  :«Oltre ad una totale indignazione io vorrei portare questa persona con le unità di strada del terzo settore e del Comune che ogni giorno e notte percorrono le strade di Milano per aiutare, parlare, sostenere le persone che vivono per strada. Penso che forse si renderebbe conto di quanta sofferenza ci sia in quelle donne e in quegli uomini. Ma anche di quanta umanità. Quella che lui ha dimostrato di non avere»

Il titolare del dehors si è poi difeso sostenendo che il suo sia stato solo un atto dettato dalla disperazione causata dalle innumerevoli rapine e aggressioni continuamente messe in atto nella zona da drogati, malviventi e senzatetto.

Un gesto disumano che non ha scusanti

Tuttavia quella del proprietario del dehors è  un’azione così tanto disumana e brutale  che non può avere nessuna scusante. Anzi, è la dimostrazione di come alcuni non riescano a provare nemmeno un briciolo di pietà e di empatia nei confronti di chi non sa nemmeno cosa significhi possedere una casa e un posto sicuro in cui potersi riparare.

________

Continua a seguirci su Facebook, su InstagramTwitter e Waveful! Ricevi tutte le notizie sul tuo cellulare iscrivendoti al canale Telegram.

Scopri gli ultimi aggiornamenti cliccando qui.

Condividi su