Molestie in ospedale: dopo vent’anni verrà cancellato un processo per irreperibilità

Una ragazza era stata violentate nel letto dell’ospedale dove era ricoverata. Vent’anni dopo il processo non è mai iniziato per irreperibilità dell’aggressore.

Dopo vent’anni un processo mai iniziato

È successo quasi vent’anni fa: un uomo si infilò nel letto di una donna ricoverata e la palpeggiò. Nonostante nome e cognome dell’imputato siano noti, per tutto questo tempo è risultato irreperibile e le ricerche delle forze dell’ordine non sono servite. Dal momento che il processo è rimasto sospeso per tutto questo tempo, stando alla Riforma Cartabia, il caso dovrebbe chiudersi definitivamente e il giudice dovrebbe emettere una sentenza di non doversi procedere per irreperibilità.

Irreperibilità dell’imputato

I fatti risalgono al 17 novembre del 2003, l’uomo le tappò la bocca e la costrinse a subire violenze sessuali. Dopo essersi divincolata, la donna è riuscita a gridare richiamando l’attenzione degli infermieri e facendo fuggire l’aggressore.

Il Tribunale non ha potuto far altro che prendere atto della irreperibilità: è stata rinnovata la sospensione del processo e sono state disposte nuove indagini. Ora la prossima udienza è fissata per il marzo del 2023 quando il giudice potrebbe pronunciare una sentenza di non doversi procedere. Nel caso in cui l’imputato venisse rintracciato il processo prenderà il via.

Condividi su