Nell’anniversario della morte di Kennedy svelato un aneddoto: a Napoli ci fu un finto funerale

 

Ci fu anche un finto funerale nel novembre del ’63 a Napoli all’indomani dell’omicidio di John Fitzgerald Kennedy con la benedizione di una bara vuota, coperta dalla bandiera a stelle e strisce, che avvenne solennemente nella basilica di San Francesco di Paola in piazza del Plebiscito. A testimoniare il particolare evento alcune immagini pubblicate nell’appendice del volume fotografico “Kennedy e Napoli – 2 Luglio 1963” presentato ieri in città a 60 anni dalla storica visita, l’ultima venuta di JFK in Europa prima di essere ucciso. Il volume, realizzato grazie all’Archivio fotografico Carbone ed al contributo del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America a Napoli e dell’American Chamber of Commerce in Italy, mette in evidenza il lavoro di Riccardo Carbone, pioniere del fotogiornalismo, che documentò tutti gli eventi a cui partecipo il presidente americano. Il suo arrivo in elicottero, la visita alla base Nato di Bagnoli e gli innumerevoli bagni di folla con il presidente che saluta dalla sua automobile scoperta. L’appendice al libro, oltre alla foto del funerale senza feretro, documenta lo sgomento e la tristezza dei napoletani alla notizia, nella notte tra il 22 e il 23 novembre 1963. La presentazione del libro è stata anche l’occasione per ribadire l’importanza della preservazione, digitalizzazione e meta-datazione degli archivi fotografici dei fotoreporter. Scrigni di memoria, sono stati così definiti durante la presentazione del libro, che se aperti riservano sempre sorprese come appunto il finto funerale. Funerale che volle testimoniare la stima e l’affetto, per il defunto presidente americano, da parte del popolo napoletano. 

https://fb.watch/ll4BGJPcxw/