Baracche disabitate in un campo rom distrutte dalle fiamme

Un incendio è divampato la scorsa notte nel campo rom di via Cupa del Cimitero, a Napoli. Le fiamme, a quanto si apprende, hanno distrutto alcune vecchie baracche che però sarebbero disabitate da tempo.

Enorme colonna di fumo visibile da chilometri di distanza

Sul posto sono giunti i vigili del fuoco e gli agenti delle ‘Volanti’ della questura di Napoli che hanno avviato i primi accertamenti. Si è levata comunque una densa colonna di funo nero che è stata visibile anche diversi chilometri di distanza e che creato preoccupazione tra i residenti della zona e gli automobilisti di passaggio.

“Soprattutto in questo periodo dell’anno e con questo caldo record occorrono maggiori controlli ed attività di prevenzione.
Questi roghi rappresentano un danno ambientale ma anche economico. Non possiamo permetterci nessuno dei due”, commenta il deputato dei Verdi, Franceco Emilio Borrelli. “Il fenomeno si ripete con sempre più allarmante frequenza in prossimità di questi campi. Vanno smobilitati, una volta – prosegue – e per tutte, per mettere fine a tali scempi e dare maggiore dignità a chi ci vive dentro a partire dai bambini”.