Cardito. Un caso di “Salmonella” fa saltare le lezioni di oggi al plesso Siani del 1 Circolo

Scuola aperta, come disposto dall’ASL e dal Dirigente Scolastico, ma i genitori dei ragazzi scelgono di non far entrare i propri figli

di Massimo Caponetto – Si tratta di un caso di Salmonella che ha colpito un ragazzino di prima elementare del 1 Circolo Didattico del Plesso Siani, nei pressi del Liceo Artistico. Nonostante tutte le precauzioni sul caso siano state prese sia dall’ASL che dalla scuola stamattina la preoccupazione dei genitori ha fatto si che i propri figli non entrassero a fare lezione. Scuola aperta come disposto dal Dirigente Scolastico dopo le riassicurazione del medico inviato dall’ASL. Resta da vedere cosa accadrà domattina quando si riapriranno i cancelli della scuola.

Salmonellosi, sintomi e modalità di trasmissione:

Sintomi – La gravità dei sintomi varia dai semplici disturbi del tratto gastrointestinale (febbre, dolore addominale, nausea, vomito e diarrea) fino a forme cliniche più gravi (batteriemie o infezioni focali a carico per esempio di ossa e meningi) che si verificano soprattutto in soggetti fragili (anziani, bambini e soggetti con deficit a carico del sistema immunitario). I sintomi della malattia possono comparire tra le 6 e le 72 ore dall’ingestione di alimenti contaminati (ma più comunemente si manifestano dopo 12-36 ore) e si protraggono per 4-7 giorni. Nella maggior parte dei casi la malattia ha un decorso benigno e non richiede l’ospedalizzazione, ma talvolta l’infezione può aggravarsi al punto tale da rendere necessario il ricovero. Le salmonellosi nell’uomo possono anche causare lo stato di portatore asintomatico.

Modalità di trasmissione – L’infezione si trasmette per via oro-fecale, attraverso l’ingestione di cibi o bevande contaminate o per contatto, attraverso la manipolazione di oggetti o piccoli animali in cui siano presenti le salmonelle. I principali veicoli di trasmissione della salmonella sono rappresentati da: alimenti, acqua contaminata, piccoli animali domestici.
Gli alimenti contaminati rappresentano uno dei veicoli più importanti di diffusione dell’infezione nell’uomo. Tuttavia, per poter causare la malattia è necessaria la colonizzazione massiva dell’agente patogeno nell’alimento prima dell’ingestione. Solitamente all’apparenza il cibo contaminato non presenta alcuna alterazione delle caratteristiche organolettiche (colore, odore, sapore, consistenza). La contaminazione degli alimenti può avvenire al momento della loro produzione, durante la preparazione, oppure dopo la cottura a causa di una manipolazione non corretta degli alimenti.

880x149-napoli-olio-eni-10w40-4-lt-ann

Condividi su