“ARS GRATIA ARTIS”: semaforo verde per il cartellone del De Rosa a Frattamaggiore

Il direttore artistico Armando Fusco, domani, giovedi 22 giugno,  presenta alla città ed alla stampa l’interessante cartellone teatrale della stagione 2017 – 2018

Una conferenza domani sera, giovedì 22 giugno, al rivisitato Teatro De Rosa di Frattamaggiore per incontrare la città e la stampa. Sarà l’attore Enrico Lo Verso ad aprire gli interventi, accompagnato da Piero Addis, direttore della storica Villa Reale di Monza, dalla produttrice e regista Alessandra Pizzi e dal direttore Artistico del nuovo cartellone del De Rosa Armando Fusco che in questo rilancio dello storico teatro frattese ci sta mettendo cuore ed anima, esattamente come ha fatto con la sua società di produzione e distribuzione cinematografica. Socialmovie.   “Il teatro ha sempre avuto un carattere collettivo, una sua indispensabile funzione come amplificatore di idee, come strumento per riflettere sui problemi e sulla vita politica e culturale. Fin dalle origini, infatti, la gente si è recata a teatro per imparare, per meditare sul mistero dell’esistenza, per sentirsi parte della comunità civica”. Questo è quello che pensa il direttore Armando Fusco  rispetto a questa nuova sfida territoriale che ha accettato.  “Nel corso del tempo il teatro non ha mai perso questa sua essenza di catalizzatore di idee e di rappresentazione del reale e, se è vero che, spesso, l’eccesso di stimoli dell’epoca in cui viviamo ha il potere di anestetizzarci, di impedirci di sentire e comprendere davvero gli altri, allora il teatro può risvegliarci da questo torpore e spingerci a fare qualcosa per la comunità”.
La nuova direzione artistica del Teatro De Rosa si mostra fedele alla lezione di Eduardo De Filippo che dichiarò di non essere interessato a lavorare su idee che non avessero significato e utilità sociale. Proprio nell’ottica di questa dimensione civica del teatro, infatti, la nuova direzione artistica ha scelto accuratamente gli spettacoli da inserire in cartellone, per comporre una stagione che, nella sua molteplicità di forme espressive, rendesse giustizia al carattere multiforme del reale.

Una stagione teatrale concepita da Socialmovie in collaborazione con Ergo Sum, dunque, come un mosaico capace di toccare le corde dell’anima per raggiungerne le stanze segrete, scuotendo le emozioni e risvegliando le coscienze. La direzione artistica, però, non si è limitata alla scelta dei titoli in cartellone, ma ha concepito gli spazi del Teatro come luogo elettivo di incontro multiforme con la Cultura e l’Arte, una sorta di salotto accogliente e rassicurante nel quale sarà possibile utilizzare gli spazi anche per altre attività, come la lettura. In questa stagione, infatti, grazie alla collaborazione e alle sinergie strette con la direzione generale della Reggia di Monza e diverse fra le più prestigiose case editrici, gli abbonati riceveranno in regalo libri e cataloghi d’arte, mentre altri testi saranno a disposizione degli spettatori che potranno leggere in appositi spazi-biblioteca che appositamente allestiti.
Il Teatro sarà, inoltre, testimone di importanti eventi-incontro tra il pubblico e gli scrittori che presenteranno qui le loro opere e si proporrà come cassa di risonanza per film d’essai, matinèe con proiezioni cinematografiche e spettacoli di grande spessore civile e sociale.

 

Condividi su