Russia2018 – Il mondiale è senza padrone steccano tutte le big

Oggi si conclude la prima trance di gare del mondiale di Russia 2018. Il dato che emerge al momento è che non c’è una favorita per la vittoria finale. I pronostici sono stati smentiti dopo la prima settimana di gare. La sconfitta della Germania e i pareggi di Brasile e Argentina sono i risultati più clamorosi. Ma le vittorie di Francia, Belgio e Inghilterra non hanno assolutamente convinto. L’unico a lanciare un messaggio importante a tutte le avversarie è stato Cristiano Ronaldo autore di una tripletta contro la Spagna regalando un prezioso pareggio alla sua nazionale.

GRUPPO – A

La Russia padrone di casa, comanda anche il proprio gruppo in coabitazione con l’Uruguay. I Russi però hanno vinto in goleada con l’Arabia Saudita mentre i sudamericani hanno trovato i 3 punti con una rete all’ultimo minuto contro l’Egitto, orfano per il momento, di Salah.

GRUPPO – B

Guardando la classifica in pochi si aspettavano di trovare l’Iran primo con 3 punti. Preziosissima la vittoria contro il Marocco, che regala almeno la speranza di approdare agli ottavi. Però la gara disputata da Spagna e Portogallo ha dimostrato come queste due squadre siano destinate a fare strade nella competizione. Le uniche due che hanno dato l’impressione di essere fisicamente e tecnicamente pronte.

GRUPPO – C

La Francia ha dovuto faticare più del previsto contro la modesta Australia. Questo non lascia ben sperare nei prossimi confronti con Perù e Danimarca. Gli scandinavi sono riusciti a battere la selezione peruviana facendo leva sulla fase difensiva anche se pesa il rigore fallito da Cuevas.

GRUPPO – D

Quello indicato come girone più equilibrato del mondiale si è subito confermato così. L’Argentina ha impattato 1-1 con l’Islanda. La seleccion paga una squadra troppo Messi dipendente. La manovra organizzata troppo lentamente da Biglia e Mascherano ha sofferto il confronto con la dinamicità e la corsa degli islandesi. Ha approfittato di questo passo falso la Croazia, che ha battuto la Nigeria con un secco 2-0.

GRUPPO – E

Tocchiamo un’altra nota dolente, ovvero il Brasile. I verdeoro hanno la rosa qualitativamente più forte ma il commissario tecnico Tite non ha ancora trovato il giusto equilibro per una squadra con una netta propensione offensiva. Ne ha approfittato la Svizzera che ha strappato un pareggio importante. Apertissima la lotta per la qualificazione dopo la vittoria della Serbia contro la Costa Rica.

GRUPPO – F

La sconfitta della Germania è stata la sorpresa di questa prima settimana. La vittoria del Messico è stata meritata e  la rete realizzata da Lozano è entrata già nella storia. I tedeschi sono apparsi palesemente in difficoltà sia tattica ma soprattutto fisica. Complicata anche la situazione in classifica dopo la vittoria della Svezia contro la Corea del Sud.

GRUPPO – G

Il Belgio e l’Inghilterra hanno portato il loro compito battendo Panama e Tunisia ma le vittorie non hanno convinto. Il Belgio dopo aver chiuso il primo tempo sullo 0-0 deve ringraziare Mertens che ad inizio ripresa ha letteralmente pescato il coniglio dal cilindro con una rete delle sue. Troppo la sofferenza dell’Inghilterra che è riuscita a battere la Tunisia solo al 90esimo grazie alla freddezza di Harry Kane.

GRUPPO – H

I nipponici hanno sorpreso la Colombia con una una prestazione maiuscola, conquistando tre punti pensanti in ottica passaggio del turno. La sfida tra Milik e Zielinski con la Polonia e Koulibaly con il Senegal, ha visto trionfare il difensore. La nazionale senegalese ha conquistato con merito una vittoria che ribalta completamente i pronostici del girone H.

Condividi su
  • 3
    Shares