Licola

Licola, spiaggie ricoperte dalle carcasse d’auto

Dopo il temporale che si è scatenato lunedì 4 Novembre, vengono a galla tutte le disattenzioni sul territorio Campano. Ne è testimone la spiaggia di Licola Mare, ancora una volta testimone dell’inciviltà e della non curanza.

[the_ad id=”23524″]

 

licola-mare-auto

licola-mare-auto

Le carcasse delle automobili coprono il manto sabbioso della spiaggia. Le associazioni ambientaliste sperano in un immediato  intervento dlle autorità competenti. Sono già stati allertati il Governo Nazionale, la Regione Campania, la Città Metropolitana di Napoli e i singoli comuni coinvolti. Ma già nella giornata di Domenica sono state trovate tonnellate di rifiuti arrivate sulla stessa spiaggia dopo l’esondazione dell’Alveo dei Camaldoli. Oltre alle lamiere sono venuti a galla anche carcasse di animali e rifiuti vari, soprattutto di plastica. Secondo le Fonti del WWF dietro ai rifiuti metallici c’è la criminalità organizzata. Alessandro Gatto riferisce: Ci sono bande criminali dietro questo scempio. Abbiamo constatato che lungo tutto il percorso del canale dell’Alveo dei Camaldoli sono sparsi tantissimi rottami di auto che inevitabilmente vengono trasportati fino a mare. Le indagini dei carabinieri forestali, con cui collaboriamo, portano a due ipotesi. Quella di macchine rubate su commissione per pezzi di ricambio, le cui parti inutilizzate vengono appunto gettate nei canali pluviali. Oppure dell’opera di carrozzieri abusivi. Ovvero coloro che, non potendo usufruire di discariche di rifiuti speciali autorizzate, nelle ore notturne buttano queste carcasse di auto nell’alveo”.

Condividi su