Arzano Seda

Coronavirus: Morto operaio in una fabbrica di Arzano, colleghi in sciopero

Un giovane operaio dell’azienda Seda Italy di Arzano è morto a causa del coronavirus. La notizia è stata diffusa dal Segretario Generale della Cgil Napoli:

Esprimiamo il nostro dolore per un’altra vittima di questa terribile epidemia e vicinanza alla famiglia per la grave perditasottolinea Alessandra Tommasini, Segretario generale slc Cgil NapoliIl mondo delle fabbriche sta pagando un prezzo troppo alto in termini di perdite di vite umane. Avevamo nei giorni scorsi denunciato all’azienda il rischio per i lavoratori dato dal numero elevato di persone allocate  nello stabilimento (circa 1000) e per questo abbiamo inoltrato denuncia presso le autorità competenti circa la mancata attivazione della protocollo di sicurezza per il contrasto al Covis 19. La fabbrica deve fermarsi e in maniera chiara – prosegue la sindacalista – e definitiva mettere in atto quanto previsto dalle disposizioni di contrasto al virus. Alla luce di ciò viene proclamato lo sciopero che resterà in atto fino a quando Seda non metterà in sicurezza tutti i lavoratori.

Solidarietà arriva dal consigliere regionale del Pd Gianluca Daniele, che su Twitter scrive: Morto di Covid-19 un lavoratore della Seda di Arzano, grande azienda di imballaggio del gruppo Damato. Solidarietà alla famiglia. Serve sicurezza nelle fabbriche, non si può più tollerare che il prezzo più alto dell’emergenza lo paghi il mondo del lavoro.

Condividi su