Casoria: rinvenute 21mila mascherine e oltre 500 termoscanner contraffatti in un negozio di elettronica

Presso un ingrosso di articoli di elettronica di Casoria  sono state rinvenute circa 21mila mascherine Ffp2 con marchio Ce falsificato e accompagnate da una certificazione altrettanto falsa rilasciata da un ente non accreditato. Sono stati, inoltre, sequestrati 565 termo-scanner sprovvisti del regolare marchio Ce previsto per questi dispositivi medici.

Un importatore con uffici a Napoli e deposito a Casoria, attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, con consolidati rapporti commerciali con l’Estremo oriente, soltanto nell’ultimo mese aveva importato dalla Cina 300mila mascherine che aveva poi rivenduto su tutto il territorio nazionale e in particolare sul mercato campano.

Nel suo magazzino sono stati rinvenuti oltre 221mila dispositivi di protezione individuale, accompagnati da certificazioni di conformità che, sebbene fossero state rilasciate da enti abilitati, facevano riferimento ad altra tipologia di prodotto, sia con riguardo al produttore che al modello.

Condividi su