Aversa Ferrari

Aversa: Controlli movida, sequestrata una Ferrari e stupefacenti

I Carabinieri della Compagnia di Aversa hanno controllato le aree particolarmente frequentate dalla movida aversana.

Il bilancio è stato di 59 persone e 42veicoli controllati; 27contestazioni per violazioni al codice della strada; 14 veicoli sprovvisti di copertura assicurativa sottoposti a sequestro; 8veicoli sottoposti a fermo amministrativo per guida senza uso del casco protettivo e/o guida senza patente perché mai conseguita.

Una persona è stata deferita in stato di libertà per violazioni in materia di armi. Non sono mancate perquisizioni domiciliari e personali durante le quali 2 persone sono state segnalate al Prefetto per detenzione per uso proprio di sostanze stupefacenti.

Gli stessi militari dell’Arma hanno poi proceduto al sequestro penale di autovettura Ferrari modello 488. L’autovettura, risultava importata dalla Germania e riconducibile a una società di noleggio del comune di Teverola. I militari avevano documentato molteplici infrazioni al codice della strada relative a eccessi di velocità compiuti dall’auto sportiva.

Nel corso dell’attività di controllo i militari dell’Arma hanno poi sequestrato un manganello telescopico, rinvenuto sotto la sella di un motorino 50 tra l’altro non assicurato, ed un grinder per il taglio della marijuana

Gli uomini dell’Arma hanno poi controllato un circolo ricreativo di Villa di Briano. All’interno hanno trovato una persona in possesso di stupefacente e segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanza stupefacente. Il locale è risultato deficitario del rispetto delle norme igienico sanitarie per la vendita di alimenti e bevande nonché del rispetto dei criteri di sorvegliabilità.

I provvedimenti adottati sono stati comunicati al Sindaco del comune di Villa di Briano e alla competente ASL per la revoca delle autorizzazioni rilasciate. Durante i controlli i carabinieri hanno verificato il rispetto delle indicazioni fornite dalle autorità competenti in materia di distanziamento sociale per evitare la diffusione del codiv-19.

Condividi su