Pomigliano, Proteste e dei commercianti esasperati dalle chiusure

“Il nostro grido di disperazione e di aiuto continua ad essere ignorato da una politica pavida e miope che ha fallito”.

E’ con queste parole che Domenico Casoria, segretario della ConfCommercio di Pomigliano D’arco, ha dato il via ad un iniziativa di protesta invitando i negozianti delle varie attività a tenere su le saracinesche, anche se avrebbero dovuto restare chiuse per via delle restrittive in base ai Dpcm e le regole in vigore per l’anticontagio.

I Negozianti hanno poi fissato un manifesto con lo slogan “il futuro non si chiude” motivando la loro causa e la loro frustrazione, poiché l’imposizione delle chiusure e delle restrizioni come il limite di persone in un ambiente, hanno portato quasi il 40% delle attività commerciali a chiudere.

I commercianti sono ormai stanchi di aspettare la campagna vaccinale per riprendere le loro attività senza restrizioni e tornare ad essere aperti senza limitazioni di orari.

Condividi su