Arsenale della camorra scoperto in un negozio di ortofrutta a Bagnoli

Napoli – Blitz dei Carabinieri a Bagnoli, periferia occidentale di Napoli. I militari dell’Arma hanno scoperto un vero e proprio arsenale riconducibile a uno dei clan della zona. Le armi erano occultate all’interno di un negozio di ortofrutta. Il proprietario e un altro uomo sono stati arrestati.

La scoperta è avvenuta nell’ambito delle operazioni attivate dai Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli in tutta l’area Ovest del capoluogo campano, che hanno portato a perquisire diversi pregiudicati ed attività della zona, dopo i recenti fatti di sangue verificati sul territorio della zona occidentale della città partenopea. I Carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia di Napoli Bagnoli hanno fatto irruzione nel negozio del fruttivendolo. Occultati nel deposito del negozio di ortofrutta sito in Via Miseno a Bagnoli, i militari hanno trovato un vero e proprio arsenale da guerra: 10 pistole, 5 mitragliatrici, 6 kalashnikov, una bomba carta, 2 giubbotti antiproiettili e diverse munizioni. L’arsenale sarebbe riconducibile a uno dei clan della zona. Inoltre, nel negozio sono stati rinvenuti anche 13 chili di sostanza stupefacente, tra hashish e marijuana. Il titolare dell’attività, un uomo di 41 anni e un suo parente 74enne che si trovava all’interno del negozio, entrambi incensurati, sono stati arrestati. Sulle armi sequestrate sono in corso rilievi tecnici e balistici, per verificare se possano essere legate ai recenti fatti di sangue verificati sul territorio nella zona Ovest di Napoli.

Condividi su