Cancello Scalo Coniugi Sgambato Morti

Cancello Scalo: morta anche la signora Giuseppina, troppo gravi le ustioni riportante

Non ce l’ha fatta la signora Giuseppina, moglie di Mario Sgambato, vittime del crollo di una palazzina di via Napoli a Cancello Scalo. È morta questa notte dopo il trasferimento all’ospedale Cardarelli di Napoli. La donna al suo arrivo era stata intubata per le gravissime ustioni riportate su tutto il corpo. Doppio lutto per la cittadina della Valle di Suessola, che si risveglia con questa tragica notizia.

Alle 6:30 del mattino di venerdì la tranquillità di Cancello Scalo è stata squarciata da un boato che ha distrutto una palazzina di due piani in via Napoli. Una fuga di gas ha completamente sgretolato l’edificio.

Sotto le macerie sono rimasti i coniugi Sgambato, Mario e Giuseppina, entrambi di 74 anni. Immediati i soccorsi dei Vigili del Fuoco che sono giunti in via Napoli dall’intero circondario. I caschi rossi si sono trovati davanti un tipico scenario post terremoto.

La signora Giuseppina è stata individuata grazie alle sue urla. La donna si trovava in cucina nel momento dell’esplosione e del conseguente crollo. I Vigili del Fuoco hanno impiegato circa 7 ore per estrarla in sicurezza delle macerie. La 74enne è stata posizionata su una barella particolare, con il collo immobilizzato. Il salvataggio è stato accompagnato da un applauso dei presenti. La signora è stata trasportata in ospedale al Cardarelli di Napoli ma purtroppo le ustioni riportate si sono rivelate fatali.

Le operazioni in via Napoli però non si sono interrotte ma alle 17 è arrivata la doccia gelata. I Vigili del Fuoco dell’ U.S.A.R. specializzati nelle ricerche di persone disperse sotto le macerie, hanno individuato il Signor Mario, ancora nel letto dove stava dormendo. Il 74enne probabilmente è stato sorpreso dal crollo nel sonno e non si è reso conto di ciò che stava accadendo.

Sconvolta la comunità di Cancello Scalo per questa tragedia. I coniugi Sgambato sono conosciuti e benvoluti in città per le loro attività civiche.

Euronics Tufano

Condividi su