Covid Variante Omicron

Covid. Allarme nuova variante: Speranza vieta l’ingresso in Italia a chi è stato in Sudafrica

“La nuova variante del coronavirus è la più significativa scoperta finora dagli scienziati”: questo l’allarme lanciato dagli scienziati africani, dopo la scoperta di una nuova variante del Covid emersa in Sudafrica, capace di molte mutazioni e per questo potenzialmente resistente agli anticorpi e ai vaccini.

Gli scienziati stanno esaminando “quali azioni di salute pubblica possono limitare l’impatto della variante nota come b.1.1.529”.

Israele fin da subito ha imposto lo stop ai voli; poi Germania ha stabilito che le compagnie tedesche saranno vincolate a portare nel Paese soltanto tedeschi, e ora anche l’Australia e l’Italia hanno annunciato lo stop ai voli dall’Africa Meridionale.

Il ministro della Salute Roberto Speranza, al riguardo, ha affermato: “Ho firmato una nuova ordinanza che vieta l’ingresso in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini”.

L’epidemiologa Maria Van Kerkhove, esperta dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ha spiegato che: “Adesso i ricercatori si stanno mettendo insieme per capire dove sono queste mutazioni e cosa potenzialmente potrebbero significare per i nostri strumenti diagnostici, le nostre terapie e i nostri vaccini. È positivo che queste varianti vengano scoperte. Significa che abbiamo un sistema in campo. Ci vorranno poche settimane per noi per capire quale impatto ha questa variante”.

Tutti “devono capire che più questo virus circola, più opportunità ha di cambiare”, è il monito dell’esperta. “Ognuno ha un ruolo da svolgere nel portare la trasmissione verso il basso, a un livello tale da proteggersi contro la malattia grave e la morte. Quindi vaccinatevi quando potete, assicuratevi di aver fatto il ciclo completo e di aver compiuto tutti i passi necessari per ridurre la vostra esposizione” al contagio “e per prevenire il rischio di trasmettere il virus ad altri”.

All Logistic

Condividi su