Licola

Licola: stabilimento balneare sotto sequestro

LICOLA. Durante la campagna di controlli organizzati in sinergia con l’Ufficio Circondariale marittimo, i carabinieri e il personale della Guardia Costiera hanno sequestrato uno stabilimento balneare di 6mila metri quadrati a Licola Mare.

Il lido è stato posto sotto sequestro, mentre la titolare della società individuale, una donna di 54 anni del posto, ed un dipendente sono stati denunciati per diversi reati in concorso tra loro, tra cui il furto di energia elettrica e lo stoccaggio illecito di rifiuti.

Lo stabilimento, che comprendeva bar, ristorante e lido, era alimentato da un allaccio abusivo alla rete elettrica. Inoltre, dagli accertamenti effettuati dagli uomini dell’Arma, sono emerse diverse violazioni alla normativa ambientale, urbanistica, edilizia e al codice della navigazione che hanno portato al sequestro dell’intero stabilimento.

I militari hanno poi rinvenuto sulla spiaggia una discarica abusiva di quasi 200 mq di rifiuti di varia natura, stoccati illecitamente e senza controllo.

Gli uomini dell’Arma, intanto, sono a lavoro anche per capire da quanto tempo andasse avanti questo fenomeno e quanti danni economici in termini di mancati pagamenti sono stati fatti.

Salzano Afragola Fiera del Bianco

Condividi su