lavori a Retorbido

I lavori archeologici scoprono anni di storia

I lavori a Retorbido, in provincia di Pavia, per il rifacimento del mosaico hanno svelato un mondo sotterraneo: sepolture, mura (forse romane), pozzi. Paola Colosio dirige i lavori: «Una sorpresa dopo l’altra, ora sarebbe importante proseguire l’indagine archeologica».

Cosa nasconde il Mosaico

Al primo colpo di martello pneumatico si è intravisto un mosaico che, per decenni il pavimento di piastrelline in gres della chiesa di Santa Maria Nascente, a Retorbido, ha nascosto un tesoro: sepolture tardo rinascimentali, stemmi nobiliari, un pozzo per l’acqua, le fondamenta di un’antica torre civile d’avvistamento sulle quali più tardi si è arrampicato un campanile (poi demolito), uno scheletro misterioso e frammenti di mura di epoca forse romana.

 

 

Condividi su