Rapina in Banca a Casoria: sequestrati i dipendenti per un’ora e mezza

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona, cane e il seguente testo "Monica ELEZIONIPOLITICHE2022 COLLEGIOUNINOMINALECAMPANIA1-04 MAISTO "L'Ambiente 'Ambiente e la tutela degli animali al centro della nostra Agenda nonica f POPOLARE AZA UOT MELONI BERLUSCONI PRESIDENTE D'ITALIA moderati SALVINI PREMIER"Un rapinatore solitario ha fatto irruzione nella filiale della Banca Intesa di via Nazionale delle Puglie, ad Arpino, frazione di Casoria; l’uomo, che ha agito con volto tcoperto, ha sequestrato i dipendenti minacciandoli con la pistola della guardia giurata e si è fatto consegnare il denaro delle casse. Il bottino è ancora da quantificare, le indagini sono affidate alla Squadra Mobile della Questura di Napoli.

Il criminale è entrato nella filiale intorno alle 16, quando la chiusura era ormai prossima, probabilmente approfittando del fatto che all’interno non ci fossero clienti. Con una mossa fulminea si è avventato sulla guardia giurata ed è riuscito a sfilarle la pistola, per poi subito puntarla contro il vigilante e contro i dipendenti alle casse. All’interno della filiale è rimasto per circa un’ora, tenendo sempre sotto mira i presenti e impedendo loro di chiedere aiuto. Una volta intascati i soldi si è dileguato all’esterno.

Subito dopo è partito l’allarme; per primi, inviati dalla centrale operativa, al civico 238 di via Nazionale delle Puglie sono intervenuti gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale; organizzati i pattugliamenti nell’area, che però non hanno dato frutti: con tutta probabilità l’uomo aveva già raggiunto un nascondiglio sicuro, forse con l’aiuto di uno o più complici che lo attendevano all’esterno.

I poliziotti hanno acquisito i nastri della videosorveglianza interna, che potrebbero rivelare particolari preziosi al fine di riconoscere il rapinatore; controllate anche le registrazioni delle telecamere che si trovano all’esterno della banca e lungo le vie attigue, che potrebbero fornire indicazioni sulla via di fuga e sulla eventuale presenza di complici.

Condividi su