Parto prematuro: madre e figlia salvate dagli agenti

Un parto prematuro quello di Valentina, avvenuto nel bagno di casa, ha colto entrambi i neogenitori alla sprovvista.  Sono stati alcuni poliziotti a salvare la mamma e la sua primogenita, Maria Patrizia, una storia che ha fatto subito il giro del web. A raccontarla, in un post social, è la Questura di Napoli.

“Lo scorso 27 giugno Valentina ha dato alla luce prematuramente, nel bagno di casa, la sua prima bambina. Gli agenti del Commissariato Scampia, ricevuta la segnalazione dalla Sala Operativa, hanno raggiunto l’appartamento della donna dove hanno trovato la bambina appena nata, ancora vincolata alla madre dal cordone ombelicale.

In quei frangenti, i poliziotti l’hanno presa in braccio e, con dei piccoli colpetti sulla schiena, l’hanno aiutata a respirare in modo tale da farle riacquisire un colorito roseo e l’hanno poi avvolta in alcune lenzuola in attesa che le ambulanze, inclusa quella adibita al trasporto neonatale, riuscissero a raggiungerli quanto prima scortate dalle volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico.

Dopo i primi soccorsi, madre e figlia, sono state quindi trasportate al Cardarelli dove sono state assistite da personale medico e martedì pomeriggio, dopo circa venti giorni di ospedale, la piccola Maria Patrizia è stata dimessa ed è tornata a casa con papà Fabrizio e mamma Valentina”.

Clicca qui per vedere l’edizione del #NANOTG di ieri sera.